Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: City of God

Leggi i commenti 7 COMMENTI Vota il film 30 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
City of God
titolo originale Cidade de Deus
nazione Brasile / Francia / U.S.A.
anno 2002
regia Fernando Meirelles
genere Drammatico
durata 135 min.
cast M. Nachtergaele (Sandro Cenoura) • S. Jorge (Manè Galinha) • A. Rodrigues (Buscapè) • L. Firmino da Hora (Zè piccolo)
sceneggiatura B. Mantovani
musiche E. CortesA. Pinto
fotografia C. Charlone
montaggio D. Rezende
media voti redazione
City of God Trama del film
"Cidade de Deus" è un progetto di urbanizzazione realizzato negli anni '60 che, agli inizi degli anni '80 divenne uno dei posti più malfamati di Rio de Janeiro. Buscapé è troppo spaventato e sensibile per diventare un criminale, ma troppo intelligente per fare dei lavoretti mal pagati. Cresce in questo posto violento dove ogni cosa è contro di lui, ma scopre di poter vedere la realtà in maniera diversa: dal punto di vista di un artista. Diventerà fotografo e questa è la sua redenzione.

Recensione “City of God”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
Tratto dal romanzo omonimo di Paulo Lins, il film racconta la crescita del crimine organizzato a "Cidade de Deus": gli Anni Sessanta della criminalità "romantica" dove una certa innocenza giovanile, sempre violenta, affascina sul ritmo avvolgente di una calda samba. Gli Anni Settanta dell’impero di "Zè Pequeno", giovane "boss" della favelas in rapida ascesa tra musica pop e funk e gli inizi degli Anni Ottanta, della guerra tra bande per il controllo del traffico di droga in sequenze da videoclip d’avanguardia.
Questo il "sapiente" arco narrativo della pellicola, ed in primissimo piano gli indimenticabili protagonisti di queste esistenze al limite: bambini, ragazzini poco più che undicenni che rubano, partecipano a risse, si scontrano quotidianamente con la polizia…e poi assassini a piede libero, spacciatori incalliti e vuoti involucri di giovani anime condannati a morte senza aver conosciuto alternative di vita possibili.
Personaggi esistiti e storie realmente accadute a Rio de Janeiro, che fanno di "City of God" la crudele e commovente testimonianza di un’umanità sommersa e sconosciuta.
Un film che racconta le favelas più povere e più distanti dal Brasile "vivibile", senza alcuna distanza moralistica o politicamente corretta, con la nitidezza di un documentario e la capacità di coinvolgimento del racconto cinematografico corale a struttura narrativa forte.
Il risultato è un film enorme e "incompleto", che emoziona, "parla", ma sempre legato alla sensazione dell’attimo, cercato attraverso i meccanismi e i macchinari filmici.
Questo è il grande potere del cinema, così come, nell’istantanea di una fotografia, il giovane Buscapè (silenzioso e coraggioso testimone) trova il suo riscatto.
Riuscirà infatti a realizzare il suo sogno di diventare fotografo, e suo malgrado diventerà l'"eccezione", il superstite/modello di un mondo, di un’umanità apparentemente condannata alla violenza senza fine ma che, moralmente fuori dall’ineluttabilità di un destino segnato, soltanto dentro il proprio animo duramente forgiato, è capace di rinascere a nuova vita.
Presentato in concorso al festival di Cannes (2002).
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (196 Commenti, 27% gradimento) Standby Medaglia d'Argento Lunedì 29 Agosto 2016 ore 17:56
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Narcos Sabato 23 Luglio 2016 ore 18:05
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (374 Commenti, 59% gradimento) brata Medaglia d'Oro Domenica 31 Gennaio 2016 ore 15:20
voto al film:   8

Film che non ti lascia indifferente in quanto la violenza che fa da motivo principale della pellicola è a opera di ragazzini che non si fermano davanti a nulla pur di farsi vedere "grandi" dai boss delle favelas. Un plauso al montaggio. Bellissimo.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (127 Commenti, 70% gradimento) AlbRag Medaglia d'Argento Sabato 16 Gennaio 2016 ore 09:44
1
voto al film:   8

La pellicola si configura come una via di mezzo tra realismo sudamericano, thriller statunitense - la parabola dei protagonisti ricorda le vicende di "Quei bravi ragazzi" di Scorsese - e adrenalina hollywoodiana.
Il risultato è brillante, le varie vicissitudini dei personaggi si incastrano a meraviglia e il film non annoia, lasciando lo spettatore con diversi spunti di riflessione.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Mercoledì 1 Luglio 2015 ore 18:56
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Mercoledì 10 Giugno 2015 ore 13:52
voto al film:   8,5

Utente di Base (6 Commenti, 100% gradimento) andre92 Martedì 24 Febbraio 2015 ore 13:03
voto al film:   8,5

Utente di Base (12 Commenti, 50% gradimento) GiudicoAncheIo Venerdì 28 Novembre 2014 ore 20:37
voto al film:   10

Medaglia di Bronzo (61 Commenti, 63% gradimento) edanbra Medaglia di Bronzo Lunedì 2 Giugno 2014 ore 21:00
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Venerdì 24 Gennaio 2014 ore 11:33
voto al film:   8

News sul film “City of God”
City of God Figli di Accattone: cinema e periferie in rassegna all'Alphaville Figli di "Accattone": cinema e periferie in rassegna all'Alphaville  (30 Giugno 2011)
City of God In cantiere: Meirelles gira il biopic Onassis, Lenny Kravitz torna sul set In cantiere: Meirelles gira il biopic "Onassis", Lenny Kravitz torna sul set  (25 Maggio 2011)
City of God Ryan Gosling per Fernando Meirelles Ryan Gosling per Fernando Meirelles  (25 Gennaio 2008)
City of God Fernando Meirelles dirige Cecità Fernando Meirelles dirige "Cecità"  (13 Settembre 2006)
Ultime Schede
Passioni e desideri
Blindness
The Constant Gardener
City of God
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd City of God
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©