Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Iago

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 3 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Iago
titolo originale Iago
nazione Italia
anno 2008
regia Volfango De Biasi
genere Drammatico
durata 100 min.
cast N. Vaporidis (Iago) • L. Chiatti (Desdemona) • A. Gaya (Otello) • G. Steigerwalt (Emilia) • F. Ghidoni (Cassio) • G. Lavia (Brabanzio)
sceneggiatura V. De BiasiF. Di Basilio
musiche M. Braga
fotografia E. Lucidi
montaggio S. Chierchiè
uscita nelle sale 27 Febbraio 2009
media voti redazione
Iago Trama del film
Il dramma dell'Otello rivisitato in chiave moderna interamente ambientato in Venezia.

Recensione “Iago”

a cura di Andrea Peresano  (voto: 3,5)
Volfango De Biasi porta sullo schermo una libera variazione della tragedia shakespeariana dell'Otello incentrando però la narrazione sul personaggio secondario del perfido Iago. Si potrebbe quasi parafrasare la società moderna che ha eletto a proprie virtù le immoralità di un tempo. Poi, in un ulteriore rovesciamento della prospettiva, lo Iago di De Biasi ha nuove e opposte connotazioni. Idealista e sognatore, cerca di costruire il suo futuro dal nulla scontrandosi però con una realtà dove i giochi vengono decisi dietro i dorati portoni delle ville del potere a cui non ha accesso per estrazione. Subentra quindi l'autoconservazione che, unita ad un po' di rabbia repressa, utilizza il sottile ingegno della mente a discapito degli altri per rivalersi di ciò che gli spetta di diritto. Ritornando ai valori dei giorni nostri, ecco che arrivismo, servilismo e idolatria dell'oro sono dappetutto.
Lo scenario perfetto per ogni richiamo elisabettiano sono le calli fuori dal tempo della stupenda Venezia che rimandano naturalmente all'Otello, un po' meno le aule della Facoltà di Architettura.
Il film parte con macchinosità per poi risollevarsi, sarà per i tentativi di emulare altre moderne trasposizione come “Romeo + Giulietta” che non si concretizzano, sarà per gli interpreti come Vaporidis che inizia a convincere man mano che la pellicola va avanti o un Otello che doppiato perde di credibilità. Nel complesso comunque alcune buone riproduzioni delle migliori dinamiche degli intrecci classici come scambi di persona, fraintendimenti e messe in scena grazie agli amici del protagonista che meritano una menzione.
Un dubbio sul finale, slegato dal resto e debole.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Giovedì 22 Dicembre 2011 ore 21:53
voto al film:   4

Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Lunedì 11 Luglio 2011 ore 19:32
2
voto al film:   2

Sono felice di aver visto questo film. Sì, felice perchè potrò dire di aver visto il "Troll 2" della mia generazione (=il film votato "il peggiore di tutti i tempi"). Il grado zero del cinema. Orripilante.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Venerdì 6 Maggio 2011 ore 16:38
2 2
voto al film:   2

Un film veramente nauseante.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Iago”
Iago A Cosenza la Primavera del Cinema A Cosenza la Primavera del Cinema  ( 7 Aprile 2009)
Ultime Schede
Recensione Iago Scheda: Alps  di Y. Lanthimos
Natale a Londra - Dio salvi la Regina
Natale col boss
Un Natale stupefacente
Iago
Come tu mi vuoi
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Iago
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©