Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'uomo che uccise Liberty Valance

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 5 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'uomo che uccise Liberty Valance
titolo originale The man who shot Liberty Valance
nazione U.S.A.
anno 1962
regia John Ford
genere Western
durata 122 min.
cast J. Stewart (Ramson Stoddard) • J. Wayne (Tom Doniphon) • V. Miles (Hallie Stoddard) • L. Marvin (Liberty Valance) • E. O'Brien (Dutton Peabody) • A. Devine (Link Appleyard) • K. Murray (Doc Willoughby) • L. Van Cleef (Reese) • W. Strode (Pompeo)
sceneggiatura W. GoldbeckJ. Bellah
musiche C. Mockridge
fotografia W. Clothier
montaggio O. Lovering
media voti redazione
L'uomo che uccise Liberty Valance Trama del film
Il senatore Ramson Stoddard fa ritorno insieme alla moglie Hallie nel paesino di Shinbone, per il funerale di Tom Doniphon. Su richiesta della stampa locale, Ramson rievoca il suo arrivo a Shinbone, la sua ‘rivoluzione’ fatta di leggi, scuole e diritti, fino al suo scontro a fuoco col bandito Liberty Valance. La versione di Ramson giusto nel finale si distacca da quella nota a tutti...

Recensione “L'uomo che uccise Liberty Valance”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 8,5)
Realtà e leggenda: ogni aspetto di questo film crepuscolare di John Ford è ancorato ad una realtà che si specchia continuamente nella (propria) leggenda. E’ il West che se ne va, col suo deserto trasformato in un giardino, mito di frontiera che la ferrovia ha dapprima avvicinato, quindi stravolto.
Sono le sue leggi non scritte, la sua autosufficienza a dispetto della debolezza delle istituzioni.
Sono, soprattutto, gli uomini. Uomini silenziosi, pratici, lentamente superati nel loro mondo cristallizzato da chi arriva dalle città sull’Atlantico. Nel rapporto tra silenzio e parola si consuma il primo trapasso della leggenda nella storia: è Ramson a raccontare, la sua predisposizione è quella dell’uomo politico loquace, avvezzo ad essere ascoltato. Nella stanza accanto, i superstiti di quel mondo perduto partecipano al funerale di Tom e di tutto il West; tra loro non scorrono torrenziali le parole, ma sguardi profondi, pochi monosillabi, una pudica stretta di mano.
La nuova realtà porta con sé nuovi personaggi: Ramson non è un pistolero ma un giurista, agli occhi dei cowboys è un pivello, un damerino. A Shinbone fa lo sguattero, e nel duello con Liberty Valance indossa un grembiule da cucina; questo è il ritratto dell’uomo che esce vincitore dal confronto di due epoche che non si integrano, ma si combattono fino alla scomparsa della più vecchia. Accanto a lui, separato da una spessa barriera di incomunicabilità, c’è Tom, rappresentante ideale degli eroi fordiani, una copia dell’Ethan di Sentieri selvaggi se non fosse per il finale: l’eroe solitario ha un guizzo fuori dagli schemi, si ribella alla fine del proprio mondo; non l’accetta con lucida desolazione, ma si ubriaca concedendosi un’uscita di scena plateale.
Ethan è leggenda, Tom non riesce ad esserlo fino all’ultimo, quando subentra la realtà. Questo costa a Tom la cancellazione dal mito del Far West, che vuole gli eroi tali fino in fondo; una pretesa che mette l’uomo al di sotto dell’immaginario collettivo, contribuendo a rendere la deriva di una epopea un tempo viva non una trasformazione, ma una morte.
Stilisticamente L’uomo che uccise Liberty Valance è irreprensibile, come più o meno tutte le opere fordiane. L’intreccio non è da meno: l’azione principale è interamente raccontata da uno dei protagonisti, ma il finale ‘vero’, quello da storia e non da leggenda, si incastra come un flashback nel flashback, ed è raccontato questa volta dall’altro protagonista.
Accanto a questi due uomini così diversi (esattamente come gli attori che li impersonano, dall’habitué del genere e attore preferito di Ford John Wayne all’atipico James Stewart), Hallie ha un tocco di realismo interessante nel suo analfabetismo; il resto, dalla macchietta Peabody alla cricca di Valance, si inserisce perfettamente nel solco della tradizione. Della leggenda.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (477 Commenti, 69% gradimento) diego93 Medaglia d'Oro Giovedì 30 Ottobre 2014 ore 20:20
voto al film:   7,5

Costi ridotti, esterni ricostruiti in studio e niente Technicolor non ostacolarono Ford a realizzare uno dei western piu' importanti del decennio, oggi uno dei suoi classici piu' amati. Vi aleggia una strana atmosfera malinconica a partire dal flashforward che fa da incipit. Il film e' un "funerale della frontiera", in cui gli eroi impavidi, i banditi e la cittadina popolata da fenomeni (su tutti l'editore idealista e alcolizzato di O'Brien) lasciano il posto a una societa' costruita sulla legge ma non per questo piu' protetta. Da non perdere la scazzottata tra Stewart e Wayne.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (29 Commenti, 60% gradimento) Ombra Mercoledì 4 Dicembre 2013 ore 22:36
voto al film:   9,5

Utente di Base (17 Commenti, 31% gradimento) Cisky Lunedì 14 Novembre 2011 ore 18:34
voto al film:   9

Medaglia d'Oro (321 Commenti, 66% gradimento) AlessioRocco Medaglia d'Oro Venerdì 4 Novembre 2011 ore 02:00
1 1
voto al film:   8

mitici john wayne e james stewart. ottimo western.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (44 Commenti, 54% gradimento) Enrico88 Giovedì 3 Novembre 2011 ore 13:37
voto al film:   8

Ultime Schede
L'uomo che uccise Liberty Valance
Sentieri selvaggi
Rio Bravo
Il massacro di Fort Apache
Furore
Ombre rosse
I film di John Ford  di J. Place
John Ford  di L. Albano
John Ford. Sfida infernale  di F. Ballo
John Ford. Il gusto della narrazione  di F. Carlini
Americani. Un viaggio da Melville a Brando  di I. Bignardi
John Ford. Sentieri selvaggi  di A. Morsiani
Il cinema western da Griffith a Peckinpah  di T. D’Angela
Il western. Il vero volto del cinema americano  di C. Cohen
Western  di G. Lucci
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©