Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'eau froide

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'eau froide
titolo originale L'eau froide
nazione Francia
anno 1994
regia Olivier Assayas
genere Drammatico
durata 92 min.
cast V. Ledoyen (Christine) • C. Fouquet (Gilles)
sceneggiatura O. Assayas
musiche H. Chauvel
fotografia D. Lenoir
montaggio L. Barnier
media voti redazione
L'eau froide Trama del film
Sia i genitori di Christine che quelli di Gilles sono divorziati e i due ragazzi non possono accettare le regole di una società che, in pratica, li abbandona alle proprie sofferte, drammatiche insicurezze. Christine finisce in un istituto, poi fugge e raggiunge Gilles. Insieme partono per il Sud, passano una notte insieme, ma, al mattino, Gilles trova accanto a sé solo una pagina bianca di quaderno.

Recensione “L'eau froide”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8,5)
Ricco di emozioni forti, momenti teneri, rabbia e disperazione, "L'Eau Froide" è uno splendido affresco sull'adolescenza e i suoi conflitti, sulla rabbia e l'ansia di crescere. Uno sguardo impietoso verso lo squallore del reale, ma affettuoso verso la fragilità dei due protagonisti.
In "L'Eau Froide" entra in gioco pienamente la vita in tutta la sua urgenza, tensione, instabilità e incertezza: è l'intimità complessa, contraddittoria dei personaggi al centro della pellicola, dell' "indagine" condotta in modo riservato, essenziale.
L'intensità dello sguardo di Assayas, deriva da un "atteggiamento morale": i pensieri, i volti, i sentimenti e i corpi dei suoi personaggi, sono filmati con pieno rispetto della loro identità, tramite un'estrema libertà di movimento della macchina da presa, che permette di scoprire il loro mondo interiore e la loro visione dell'esistenza, oltre all'ambiente nel quale si trovano a vivere.
L'originalità di Assayas, la forza della sua regia, sta nel riuscire ad abbandonare al proprio destino i suoi personaggi, isolandoli ogni volta, per poi reinserirli nel contesto originario e dando loro ogni più sottile sfumatura. Riesce a dotare i personaggi di un'anima "nervosa", perennemente mutevole, e di una variabile gamma di possibilità aperte; mentre alcuni elementi, apparentemente significativi, disseminati lungo il percorso offerto dalla sceneggiatura, vengono di volta in volta smarriti per strada, volutamente trascurati a beneficio della forza delle azioni e dei sentimenti rappresentati.
Olivier Assayas, ha un passato di studente d'arte e letteratura, di "vagabondo" a Londra negli anni '70 e quindi di critico (nei primi anni '80) ai "Cahiers du Cinéma".
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Il film non è stato ancora commentato.
News sul film “L'eau froide”
L'eau froide Il Maverick Director Award a Tsui Hark Il Maverick Director Award a Tsui Hark  (30 Settembre 2013)
L'eau froide Olivier Assayas sbarca in Italia per girare gli ultimi ciak di Apres Mai Olivier Assayas sbarca in Italia per girare gli ultimi ciak di "Apres Mai"  (21 Settembre 2011)
L'eau froide 'Lucca FilmFestival' tra avanguardia e riscoperta 'Lucca FilmFestival' tra avanguardia e riscoperta  (28 Settembre 2007)
Ultime Schede
Recensione L'eau froide Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Personal Shopper
Sils Maria
Qualcosa nell'aria
Carlos
L'Heure d'été
Clean
L'eau froide
Olivier Assayas
Leggi l'intervista a Olivier Assayas per “Clean
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©