Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione:

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
titolo originale
nazione
anno
regia
genere
durata / note n.d. / B/N

Recensione “”

La recensione del film “” non è disponibile.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «



Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (274 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Venerdì 21 Luglio 2017 ore 00:39
voto al film:   7

ha avuto un'idea notevole e ne ha capite di cose, questa strana coppia Lanthimos/Filippou, e le mette giù così come sono, in una motion picture che sembra venire fuori da uno schizzo a carboncino, rapido e netto, spigoloso e senza fronzoli. violento, inevitabilmente. mi verrebbe da dire che se si desse un minimo di pettinata e si pareggiasse appena appena le basette ne vedremmo delle belle davvero, e che non sarebbe male quelle cose poterle dire a un pubblico più ampio di quattro gatti curiosi e un po' masochisti. ma in realtà non sono sicura di poterglielo chiedere, e visto il film successivo non è neanche detto che sarebbe la strada giusta.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (51 Commenti, 80% gradimento) barney Medaglia di Bronzo Lunedì 13 Marzo 2017 ore 07:40
voto al film:   8

Medaglia d'Argento (172 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Lunedì 30 Novembre 2015 ore 14:56
2
voto al film:   7

Inferiore al precedente, bellissimo 'Kynodontas' e un po' meno bizzarro del successivo 'The Lobster', 'Alps' è un altro notevole tassello del singolarissimo mosaico di Lanthimos. Che ci parla col suo solito linguaggio conturbante, espresso da personaggi neanche umani, marionette (qui si dotano di nomi fittizi, in 'Kynodontas' non ne avevano affatto), in cui il dramma si allenta (o si acuisce?) diventando amarissima, e a tratti violenta, farsa. Si arriva così, nuovamente, a un punto in cui questo equilibrio "disumano" non può tenersi all'infinito, e la situazione deflagra, magari con uno dei suoi personaggi.
Benché meno munito della potenza comunicativa e cromatica della sua opera precedente (e forse anche della successiva), 'Alps' raggiunge ancora il suo scopo: sconcertare, disturbare lo spettatore, sfuggendo a qualsiasi schema concettuale e narrativo.
Un finale intelligente e inevitabile: si cerca di colmare l'altrui solitudine per sopravvivere al proprio, abissale vuoto.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (6 Commenti, 0% gradimento) Virtuoso Domenica 5 Febbraio 2012 ore 01:07
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Venerdì 23 Dicembre 2011 ore 14:27
2 4
voto al film:   8

conseguenze del dolore - derivanti dalle infinite conseguenze dell'amore - nemmeno sono sempre razionali. Per quel che riguarda il pubblico a cui è destinato, indubbiamente non coinvolge un gran numero di persone, non quelle che frequentano il cinema per intrattenimento. Tuttavia continuo a trovare questo film estremamente illuminante riguardo la complessità e la profondità dei sentimenti umani e credo che Alps possa risultare interessante, anche se solo per poche persone, soprattutto grazie alla sua delicatezza e ai suoi silenzi.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Venerdì 23 Dicembre 2011 ore 14:21
5 1
voto al film:   8

Non credo che Alps sia un film destinato ad una cricca di critici. A Venezia la critica italiana lo ha stroncato, a fine proiezione stampa sui titoli di coda i fischi hanno invaso la sala. E' stata la critica straniera ad apprezzare il film. Ad ogni modo, trovo che Alps sia un film con una sceneggiatura originale e coraggiosa, che ha meritato a pieno titolo il premio di miglior sceneggiatura a Venezia. Inoltre ho trovato la lentezza e quel ritmo impenetrabile l'unico perno con cui raccontare una storia così drammatica popolata di solitudini. Le molteplici solitudini di chi ci lascia, di chi resta e di chi è ancora più solo da decidere di prendere fisicamente il posto di qualcun'altro per colmare con abiti e parole altrui il vuoto della propria esistenza. Ho trovato Alps un film commovente e prezioso anche per quella sua aura che permette di definirlo a tratti "incomprensibile", proprio perché lontano dalla razionalità. Ma in fondo il dolore non sempre è razionale e le conseg
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Giovedì 15 Dicembre 2011 ore 22:02
2 4
voto al film:   8

4? E' uno scherzo?
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “”
 Venezia 68: il Leone d'oro va al Faust di Aleksandr Sokurov Venezia 68: il Leone d'oro va al "Faust" di Aleksandr Sokurov  (10 Settembre 2011)
Ultime Schede
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©