Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Le cose che verrano - L'avenir

Leggi i commenti 3 COMMENTI Vota il film 4 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Le cose che verrano - L'avenir
titolo originale L'avenir
nazione Francia
anno 2016
regia Mia Hansen-Løve
genere Drammatico
durata 100 min.
cast I. Huppert (Nathalie) • A. Marcon (Heinz) • R. KolinkaE. Scob
sceneggiatura M. Hansen-Løve
fotografia D. Lenoir
montaggio M. Monnier
uscita nelle sale 20 Aprile 2017
media voti redazione
Le cose che verrano - L'avenir Trama del film
Un'insegnante di filosofia deve affrontare la morte della madre, il licenziamento e risolvere il difficile rapporto con il marito bugiardo.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (282 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Giovedì 29 Giugno 2017 ore 04:37
voto al film:   6

L'avenir e' il racconto della vita che scorre in una normale e borghese famiglia francese. Il tempo che passa porta alla luce inevitabili nostalgie e drammi quotidiani piu' o meno reali, piu' o meno grandi. La differenza vera pero' la fa la Huppert, senza la quale il film lascerebbe ben poco allo spettatore, che non sta ferma un attimo e resiste fiera, impettita, borghese appunto di fronte alle burrasche improvvise e no che la vita le mette in mezzo. Non c'e' un vero punto di rottura ma dalla seconda parte in poi i dissidi interni e le ansie della protagonista sembrano fluire in modo piu' naturale verso uno scontato e nostalgico finale, mentre tutto scorre.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Venerdì 5 Maggio 2017 ore 11:07
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (274 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Venerdì 5 Maggio 2017 ore 00:36
2
voto al film:   6,5

più compiuto e meno autoreferenziale di quell'amore di gioventù che avevo sopportato a stento, più sensato, soprattutto molto più vero, e poi qui c'è la Huppert, che sostituisce egregiamente il ronzio degli insetti tra le (sempre magnifiche) verzure nel ruolo di protagonista... ma c'è qualcosa che proprio non mi piace nei lavori di questa regista, e anche se non riesco a metterlo bene a fuoco so che mi manca qualcosa, e che i minuti dopo un po' cominciano a sembrarmi ore, e che finiscono per infastidirmi perfino i movimenti della macchina da presa... sa maneggiarla, la Mia, indubbiamente, e allora perché insisterli, esibirli così? non lo sconsiglio, affatto, ma per quanto mi riguarda credo proprio che mi fermerò qui.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (172 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Domenica 5 Marzo 2017 ore 02:36
1
voto al film:   7

Nella cullante melodia dei Fleetwoods, alla fine, sta tutta l'essenzialità di una pellicola che narra semplicemente la vita, nelle sue evoluzioni quotidiane. E sa farlo bene.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Le cose che verrano - L'avenir”
Le cose che verrano - L'avenir I vincitori della Berlinale 2016 I vincitori della Berlinale 2016  (21 Febbraio 2016)
Ultime Schede
Le cose che verrano - L'avenir
Eden
Un amore di gioventù
Il padre dei miei figli
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©