Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Recensione:

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
titolo originale
nazione
anno
regia
genere
durata / note n.d. / B/N

Recensione “”

La recensione del film “” non è disponibile.
Commenti del pubblico



Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Domenica 12 Giugno 2016 ore 22:58
1
voto al film:   5

Qualcuno fermi Refn. A un regista del suo talento non dovrebbe essere permesso fare film così imbarazzanti: The neon demon è pretenzioso, banale nelle tematiche e nelle metafore ossessive, ridicolo e kitsch nella parte finale, vacuamente citazionista, superficiale e privo di anima come il mondo che prova invano a descrivere. Di buono c'è la fotografia e la bellezza della protagonista, poco altro, come ha riconosciuto ipervoice.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (208 Commenti, 75% gradimento) ipervoice Medaglia d'Oro Venerdì 10 Giugno 2016 ore 11:00
1 1
voto al film:   4,5

C'è un po' di tutto, ma per prima cosa molta noia, in questo (sin troppo) ambizioso film di Refn. Il risultato finale è un esperimento malriuscito ispirato al cinema di Lynch, Kubrick, Cronenberg e Korine (Springbreakers). La fotografia e le musiche non sono male ma la sceneggiatura è scarsa e i (pochi) dialoghi raramente efficaci. Si salva la buona interpretazione di Elle Fanning, perfetta nella parte, e poco altro.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (171 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Venerdì 10 Giugno 2016 ore 01:49
1
voto al film:   6,5

La bellezza esteriore è l’unica cosa che conta?
Non è solo la domanda essenziale di questo film, nel quale la risposta è affermativa; è il quesito che lo spettatore legittimamente dovrebbe porsi provando a inquadrare la stessa pellicola di Refn, trionfo del glamour: gioiellino formale per colori, fotografia, regia e passaggi sonori (nella prima ora ci sono sequenze notevoli, una più di altre, con shibari e lisergica club music), rimandi neanche troppo velati a Lynch e a Kubrick, ma vuotezza e (voluta?) stravaganza nei contenuti.
Esagerati i fischi di Cannes, ma i lavori di Refn continuano a impressionare senza rapire fino a un totale innamoramento. Proprio come quei corpi perfetti, solenni, freddamente esposti e contemplati nel film.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©