Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Recensione:

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film VOTA Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
titolo originale
nazione
anno
regia
genere
durata / note n.d. / B/N

Recensione “”

La recensione del film “” non è disponibile.
Commenti del pubblico



Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Lunedì 15 Agosto 2016 ore 20:26
voto al film:   7,5

Utente di Base (7 Commenti, 66% gradimento) govigo Giovedì 19 Maggio 2016 ore 12:20
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (171 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Lunedì 9 Maggio 2016 ore 04:24
voto al film:   7,5

*errata corrige*: un telescopio che guardi dentro la terra.
(...) Qui è la grandezza del lavoro di Guzman, che intreccia l'olocausto di Pinochet alle complesse questioni della scienza, oscillando tra intelligenti analogie tra ciò che è umano (e di per sé finito) e ciò che è infinito, smussando anzi gli angoli di teorie e percezioni assodate, interrogandosi sul valore della memoria ("che ha una forza di gravità: sempre ci attrae", si dirà alla fine), quindi sul rapporto tra passato e presente, e sul rapporto tra ciò che vediamo e ciò che siamo.
Qui è la grandezza di un film che ospita scienza, filosofia, religione, storia, politica. E mi piace dire che la colla di tutta questa mistura sia la magia. La magia di un lavoro che si presenta come documentario ma che è, a mio parere, eminentemente un'opera "d'arte".
[che meraviglia quella musica che torna tre volte durante la pellicola: uno sciame di archi, e i rintocchi altissimi del pianoforte]
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (171 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Lunedì 9 Maggio 2016 ore 04:11
voto al film:   7,5

Grande e poetico documentario di Guzman.
Il Cile è una porta per meglio conoscere l'uomo e l'universo, là dove astronomi e archeologi operano vicini - malgrado i primi si rivolgano al cielo, e i secondi alla terra - in queste plaghe piene di "trasparenza". Ma in fondo le stelle sono fatte di calcio come di calcio sono composte le ossa degli uomini. In fondo le risposte che cerca chi scava non sono così lontane da quelle che cerca chi contempla il firmamento, mescolandosi le questioni nel medesimo oceano di dubbio e stupore. Le differenze riguardano, invece, le donne che perlustrano inconsolabili il deserto di Atacama, per anni, alla ricerca dei resti dei propri cari, ammazzati e sparsi là dove il vento non muore mai: gli scienziati si rivolgono al passato con passione, e con una latente leggerezza che non può permeare le menti di quelle donne titaniche. Così una di loro, sognatrice, dirà che vorrebbe un telescopio che guardasse dentro la terra, non solo dentro il cielo.
Ti è piaciuto il commento?  
Ultime Schede
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©