Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: La doppia vita di Veronica

Leggi i commenti 3 COMMENTI Vota il film 12 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
La doppia vita di Veronica
titolo originale La double vie de Véronique
nazione Polonia / Francia
anno 1991
regia Krzysztof Kieslowski
genere Drammatico
durata 98 min.
cast I. Jacob (Veronique/Veronica) • P. Volter (Alexandre) • A. Bardini (Il Direttore d'orchestra) • H. Gryglaszewska (La zia)
sceneggiatura K. KieslowskiK. Piesiewicz
musiche Z. Preisner
fotografia S. Idziak
montaggio J. Witta
media voti redazione
La doppia vita di Veronica Trama del film
Veronika è una ventenne di Cracovia, con una voce stupenda. Cantare è la sua passione principale, tanto da farle abbandonare il ragazzo che ama per dedicarsi interamente al canto. E morire sul palcoscenico per una crisi cardiaca. Véronique è identica all'altra, ma è francese, e quando s'accorge che la malformazione al cuore potrebbe esserle fatale, se seguitasse a cantare, rinuncia all'arte e si rifugia nell'amore. Due vite parallele, due destini diversi.

Recensione “La doppia vita di Veronica”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
Ortega Y Gasset, dice che l'identità di una persona è il composto di se stessa e della sua circostanza. Ma se la circostanza comprende un altro se stesso, come può agire il proprio sentimento?
Le due Veroniche non s’incontrano mai; una delle due soltanto vedrà l'altra, si vedrà nell'altra e questa morirà dopo poco. Ciò significa che il vero incubo inizia quando la realtà non permette di essere di fronte al proprio doppio, a se stessi, in modo tale da risolvere l'apparente assurdo. Non si resta più, alla fine, singoli.
"La doppia vita di Veronica" non è quindi una banale esercitazione sul tema del doppio, piuttosto, un'interrogazione di commovente spiritualità e di vertiginosa raffinatezza linguistica, sul nostro intimo. Su quel dialogo che svolgiamo con noi stessi.
Chi storce ancora il naso nei confronti dei temi kieslowskiani lamentandone origini mistiche, religiose o addirittura metapsichiche, dimentica, una volta ancora, che tutto il cinema dell'autore si regge su di un atto non esattamente di fede, quello del Caso. Quel caso che determina il nostro destino, nel quale non dobbiamo comunque abbandonarci passivamente.
Al contrario: poiché tutto è segnato, tanto vale esporci (moralmente, esistenzialmente), senza troppi calcoli morali o mercantili. Non in una fuga frettolosa nel fantastico, e nemmeno in un rifugio freddoloso nello spiritismo. Non occorre scomodare Dio, sembra dirci Kieslowski, e nemmeno l'irrazionale: basta un pò di buon senso e umiltà nell'accettare quei segni che possono anche sfuggirci, nell'assumere ciò che il nostro istinto e le nostre sensazioni ci suggeriscono, senza il terrore preconcetto delle soluzioni che non siano garantite nero su bianco.
Come il pensiero del suo autore, il cinema di Kieslowski è di un'inquietudine, ed al tempo stesso di una serenità sconvolgente. La sua padronanza dell'ambiente, il suo modo d'inserire gli oggetti, di sfruttare l'ambiguità dei riflessi, delle illuminazioni; di amplificare e privilegiare i suoni, di sfruttare la musica, di giocare in questo film di "doppi" sugli specchi, le lenti, i prismi, le superfici trasparenti che separano ma permettono di vedere, di conoscere, di ribaltare i significati; ogni aspetto dello sguardo cinematografico concorre a rimettere in dubbio le nostre certezze.
Un viaggio nell'ignoto che può compensare le miserie di quello conosciuto. Ma, al tempo stesso, il cinema di Kieslowski rifiuta la trappola dell'irrazionale: grazie ad una "fisicità" che ha pochi confronti; uno sguardo che sa farsi quasi tattile, quando una mano accarezza le rughe di un tronco d'albero per tentare di ricordare. È un cinema che vive del contrasto tra una struttura drammatica potentemente dominata, ed una visione registica aperta ad ogni suggestione.
In una storia priva di veri e propri avvenimenti, "La doppia vita di Veronica" costituisce allora un seguito ininterrotto di annotazioni poetiche che, lontane dallo sconfinare nell'astrazione, conducono magistralmente al concreto. Siano lacrime su un viso che scopriamo essere le prime gocce di pioggia, la vibrazione fremente di un canto che si muta nello smarrimento della morte, il buio disperato di questa che rinasce in due corpi allacciati in un atto d'amore, il soffio di vita che il burattinaio può inculcare o togliere a piacimento, gli altri mille fili sottili ci legano alla realtà ma ci rimandano continuamente al suo mistero. Costituiscono per lo spettatore momenti irripetibili di riflessione.
Irene Jacob ha vinto al Festival di Cannes 1991 il Premio per la Migliore Interpretazione femminile.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Venerdì 9 Dicembre 2016 ore 11:21
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Giovedì 2 Luglio 2015 ore 08:55
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) mediNat Venerdì 24 Maggio 2013 ore 00:17
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Domenica 24 Giugno 2012 ore 09:24
voto al film:   8,5

Utente di Base (7 Commenti, 85% gradimento) angelonero Giovedì 9 Febbraio 2012 ore 19:36
voto al film:   7

Utente di Base (42 Commenti, 45% gradimento) ioecharlot Martedì 17 Gennaio 2012 ore 23:46
1 7
voto al film:   6

Messaggio toccante, ma lente le scene, con qualche ingenuità nella regia
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Domenica 18 Dicembre 2011 ore 23:52
voto al film:   8,5

Utente di Base (2 Commenti, 100% gradimento) AngelaD75 Domenica 20 Novembre 2011 ore 16:10
1
voto al film:   9

Un film davvero unico che lascia riflessioni profonde sulle proprie scelte. Due donne uguali che scelgono una di seguire la propria passione per viverla appieno nonostante tutti i rischi e rinuncie che comporta mentre l'altra decide di relegare nei sogni la propria passione per realizzarsi in modo diverso e vivere.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Sabato 11 Giugno 2011 ore 20:18
voto al film:   8

Utente di Base (1 Commento, 100% gradimento) pippodt Venerdì 10 Giugno 2011 ore 17:45
voto al film:   8

News sul film “La doppia vita di Veronica”
La doppia vita di Veronica Il 27mo Trieste Film Festival dedicato a Kieślowski Il 27mo Trieste Film Festival dedicato a Kieślowski  (18 Gennaio 2016)
Ultime Schede
Recensione La doppia vita di Veronica Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Tre colori - Film rosso
Tre colori - Film bianco
Tre colori - Film blu
La doppia vita di Veronica
Non desiderare la donna d'altri
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd La doppia vita di Veronica (Edizione Speciale - 2 Dvd)
Concerto per macchina da presa  di I. Floreano
Krzysztof Kieslowski  di S. Murri
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©