Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Brutti, sporchi e cattivi

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 6 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Brutti, sporchi e cattivi
titolo originale Brutti, sporchi e cattivi
nazione Italia
anno 1976
regia Ettore Scola
genere Drammatico / Commedia
durata 115 min.
cast N. Manfredi (Giacinto Mazzatella) • M. Santella (Iside) • L. Moretti (Matilde, Moglie Di Giacinto) • E. Garofalo (Camillo, Il Figlio Ladruncolo) • A. D'Ippolito (Plinio, Il Figlio Barbiere) • M. Bosco (Gaetana)
sceneggiatura E. ScolaR. Maccari
musiche A. Trovajoli
fotografia D. Di Palma
montaggio R. Crociani
media voti redazione
Brutti, sporchi e cattivi Trama del film
In una misera baracca, costruita con altre sulla collina che fiancheggia San Pietro, vive con la sua numerosissima famiglia (la moglie, una decina di figli e un mucchio di parenti) il vecchio Giacinto Mazzatella, un pugliese orbo e ubriacone la cui principale preoccupazione è quella di difendere dall'avidità dei familiari il milione che gli è stato dato per la perdita di un occhio. Dopo essersi spinto, per salvaguardare il suo tesoro, fino a sparare su uno dei suoi figli, egli si porta in casa, per far dispetto alla moglie, una imponente prostituta, obbligando la consorte a farle posto nel letto matrimoniale. Furente per l'affronto, la donna organizza, d'accordo con tutta la famiglia, l'avvelenamento del vecchio con mezzo chilo di topicida mischiato col sugo di un'abbondante pastasciutta. Giacinto, però, riesce a salvarsi e, per vendetta, dà fuoco alla baracca, senza peraltro causare vittime; la vende, poi, a una famiglia di calabresi, provocando una zuffa che si conclude con l'ingresso nella baracca anche dei nuovi arrivati. Miglior regia al Festival di Cannes.
Scheda a cura di Vaniel Maestosi










Il film fonde e confonde dramma e commedia ma ogni risata lascia più amarezza che sollievo. Nino Manfredi è semplicemente straordinario
REGIA - ORIGINALITÀ - IMPEGNO - HUMOUR
---
---
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Lunedì 29 Febbraio 2016 ore 17:41
voto al film:   7

Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) marcus14 Venerdì 19 Febbraio 2016 ore 13:42
voto al film:   7,5

Medaglia di Bronzo (51 Commenti, 80% gradimento) barney Medaglia di Bronzo Sabato 13 Febbraio 2016 ore 20:50
voto al film:   7,5

Rispetto a Pasolini, Scola offre uno sguardo meno ideologico e più disincantato sulla condizione del proletariato urbano degli anni 70. All'ombra del Cupolone, "Brutti, sporchi e cattivi" è un giudizio al tempo stesso estetico e morale - a volte enfatico e caricaturale, forse - ma in cui nessuna salvazione è contemplata.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (265 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Lunedì 25 Gennaio 2016 ore 08:22
voto al film:   7

Medaglia di Bronzo (53 Commenti, 41% gradimento) Attila Medaglia di Bronzo Lunedì 12 Agosto 2013 ore 01:29
voto al film:   9

Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Sabato 11 Febbraio 2012 ore 18:12
voto al film:   7,5

Ultime Schede
Che strano chiamarsi Federico - Scola racconta Fellini
Una giornata particolare
Brutti, sporchi e cattivi
C'eravamo tanto amati
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©