Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Quattro minuti

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 9 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Quattro minuti
titolo originale Vier Minuten
nazione Germania
anno 2006
regia Chris Kraus
genere Drammatico
durata 112 min.
cast M. Bleibtreu (Traude Krüger) • R. Müller (Kowalski) • H. Herzsprung (Jenny von Loeben) • S. Pippig (Mütze)
sceneggiatura C. Kraus
musiche A. Focks
fotografia J. Kaufmann
montaggio U. Schmidt
uscita nelle sale 4 Maggio 2007
media voti redazione
Quattro minuti Trama del film
E’ la storia di Traude un’insegnante ottantenne che in un carcere femminile insegna a suonare il pianoforte a ladre, truffatrici e assassine. Tra le allieve scopre che la ventunenne Jenny, condannata per omicidio e ritenuta estremamente pericolosa, è stata una bambina prodigio che si esibiva in grandi sale da concerto. Una volta raggiunta l’adolescenza, la sua vita è andata a rotoli, si è ritrovata per strada, nelle fogne e ha troncato i rapporti con i genitori adottivi...

Recensione “Quattro minuti”

a cura di Vera Usai  (voto: 8)
“Un carcere. Due donne. Tre esami. Quattro minuti, per suonare finalmente la musica della propria anima”. Questo il riassunto in breve del secondo lavoro di Chris Kraus. A cinque anni di distanza da “Scherbentanz”, che segnò il suo debutto sul grande schermo, il regista tedesco torna nelle sale con un dramma elevato e corposo, tutt’altro che scontato.
La trama, firmata Chris Kraus, si snoda con andirivieni temporali che svelano il passato delle due protagoniste: assolutamente superbe nella loro interpretazione. Una nei panni della nostalgica ottantenne Traude Krüger (Monica Bleibtreu), insegnante di piano con gli occhi e il cuore al periodo della Germania nazista; l’altra in quelli di Jenny von Loeben (Hannah Herzsprung), giovane detenuta dal talento nascosto e dall’aggressività meno celata, amante della “musica negra”: l’unica con la quale riesce a dar voce alla sua anima.
Tutto è dosato con maestria: le riprese, le simbologie affidate agli insetti, la musica che con le note dei tasti accompagna e dirige l’intera pellicola: tutto, tranne le reazioni dei personaggi, che scaturiscono in maniera naturale, con violenza o con dolcezza, da farci dimenticare di essere di fronte a un film. Il rapporto tra le due donne è il centro della narrazione, cresce piano, senza abbracci, con ostilità all’inizio e poi con stima reciproca; poche le azioni e tanti gli sguardi, profondamente carichi di significato... una relazione sempre precaria, tesa sul filo sottile di una femminilità che porta sul corpo e nel corpo cicatrici dolorose. Se all’inizio il colore che predomina nell’obiettivo è il blu, a mano a mano che il film si mostra, quel blu si ingrigisce e diventa più cupo, squarciato a volte dalla luce accecante che penetra dalle finestre e svela volti e ambienti, restituiti sullo schermo con una regia che, per adeguarsi alle situazioni, cerca frequente nuove angolazioni di ripresa. Il colore blu però riappare durante il film, tramutato in fiore quando tornano a trovarci vecchi fantasmi del passato, che si rivelano scomodi per entrambe le protagoniste. Un ostacolo al loro affetto e al loro estremo bisogno dell’altra. Credo non ci sia più niente da dire: è un film manifesto del cinema europeo dei nostri giorni e va visto.
Solo un’ultima cosa: quante sale a Roma ospitano questo film?! ...a tutti buona riflessione.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Oro (239 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Lunedì 5 Settembre 2016 ore 01:17
voto al film:   7,5

Un'improbabile e mal assortita coppia di Discepolo e Maestro sono le protagoniste di questo dramma a tinte forti. Il rapporto tra le due, bravissime, e la storia delle loro vite così lontane e così vicine ci vengono rilevate poco a poco in un intreccio crescente caratterizzato da un amara ironia e dalla passione per entrambe per la vita. Due perdenti, si potrebbe dire a prima vista, che inseguono probabilmente la normalità, impossibile. Un dramma non urlato, che scorre quasi pacatamente e colpisce con chirurgica ed efferata lentezza al cuore.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Lunedì 30 Maggio 2016 ore 12:43
voto al film:   7

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Lunedì 4 Novembre 2013 ore 23:23
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (65 Commenti, 65% gradimento) priMario Medaglia di Bronzo Mercoledì 19 Settembre 2012 ore 20:53
voto al film:   7

Utente di Base (7 Commenti, 33% gradimento) nefasto87 Sabato 14 Aprile 2012 ore 14:05
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Martedì 3 Aprile 2012 ore 23:54
voto al film:   8,5

Utente di Base (17 Commenti, 31% gradimento) Cisky Domenica 12 Febbraio 2012 ore 11:05
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Giovedì 5 Gennaio 2012 ore 17:37
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 30% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Mercoledì 4 Gennaio 2012 ore 20:51
voto al film:   7,5

News sul film “Quattro minuti”
Quattro minuti Milano, al via il 'Movie Days on Tour 2007' Milano, al via il 'Movie Days on Tour 2007'  (15 Ottobre 2007)
Quattro minuti La 44esima Mostra di Pesaro a Venezia La 44esima Mostra di Pesaro a Venezia  ( 5 Settembre 2007)
Ultime Schede
Recensione Quattro minuti Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Poll
Quattro minuti
Il musical dopo il Duemila
Gli ultimi dieci anni di un genere in declino
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Quattro minuti
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©