Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Il Padrino - parte III

Leggi i commenti 9 COMMENTI Vota il film 42 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Il Padrino - parte III
titolo originale The Godfather: Part III
nazione U.S.A.
anno 1990
regia Francis Ford Coppola
genere Drammatico
durata 162 min.
cast A. Pacino (Don Michael Corleone) • T. Shire (Connie Corleone-Rizzi) • A. Garcia (Vinnie Mancini-Corleone) • S. Coppola (Mary Corleone) • D. Keaton (Kay Adams) • E. Wallach (Don Altobello)
sceneggiatura F. CoppolaM. Puzo
musiche C. Coppola
fotografia G. Willis
montaggio L. FruchtmanB. MalkinW. Murch
media voti redazione
Il Padrino - parte III Trama del film
All'età di 70 anni, Michael Corleone è risciuto a costruirsi una rispettabilità tanto da 'guadagnarsi' un'onorificenza dalla Santa Sede. Le sue operazioni finanziarie si muovono nell'ambito del lecito. La sua ricchezza e la sua potenza aumentano e questo non piace ad altre famiglie in ascesa...

Recensione “Il Padrino - parte III”

a cura di Andrea Peresano  (voto: 9)
Terzo ed ultimo capitolo della saga cinematografica della famiglia Corleone ideata da Mario Puzo. Distante e difficile, arriva a ben venticinque anni da Il Padrino parte II, in una reprise discutibile ma necessaria.
Michael Corleone è ormai sessantenne e ammalato, dopo aver guidato la famiglia attraverso gli anni settanta il suo unico sogno è di riuscire ad eliminare ogni ombra del passato e riportare il nome dei Corleone nella legalità. Ma le macchie sono troppe e troppo grandi. Nell’arco della sua vita, seguendo i passi di suo padre, ha impiegato ogni sua forza per proteggere chi amava, la famiglia, i suoi figli, la vera ricchezza di un uomo. Purtroppo la realtà dei fatti è l’opposto delle sue aspettative, la famiglia è spaccata, la moglie lontana lo teme, i figli altrettanto, e il fantasma di Fredo, fratello ucciso per un suo ordine, sempre a seguirlo. Bellissima la scena in cui finalmente riesce a confessare i suoi peccati e subito dopo inizia a piangere, ma purtroppo, come dice il cardinale che lo confessa, non si pentirà mai. L’unica vicina fino alla fine a Michael è sua sorella Connie che, ribelle nella seconda parte, con il passare del tempo ha capito e tirato fuori la vera natura di una Corleone, trasformandosi in un personaggio quasi più temibile dello stesso padrino.
L’America in cui si muove Michael non è più quella del padre o quella in cui lui aveva mosso i primi passi da padrino. Sono lontani gli anni del commercio dell’olio nella New York delle cinque famiglie, ma sono anche passati gli anni dell’euforia e del divertimento fra i casinò di Las Vegas e Cuba e le spiagge di Miami. Oggi Michael è un importante uomo d’affari a capo di un vasto gruppo di società a cavallo fra i due continenti.
Ma anche la mafia che lo circonda è cambiata. Non più protezione ed estorsione, non più gioco d’azzardo, non più biechi guardaspalle e freddi sicari. Banchieri, avvocati, politici ed arcivescovi sono gli spietati avversari di don Corleone, i burattinai che più in alto di tutti muovono i fili.
Da un lato le famiglie che vogliono entrare negli affari legali che i Corleone stanno iniziando, dall’altro i potenti finanzieri europei, fra chiesa e politica, che vogliono spremere e poi eliminare il potente padrino, lo ritrascinano nella vita da cui tentava di fuggire. Il suo destino è questo. Nonostante abbia passato tutta la vita a cercare di elevarsi per non respirare più l’aria che fin da piccolo ha respirato, la ritrova identica nelle camere dei potenti, per parlare di business anche qui, con il più terribile di tutti, don Lucchesi, per cui la finanza non è altro che un’arma e la politica è saper tirare il grilletto.
Ne Il Padrino, il giovane Michael descriveva il mestiere di suo padre a Kay paragonandolo ad un qualsiasi uomo di potere, come un presidente o un senatore, e, all’obiezione di Kay che presidenti e senatori non uccidono, Michael sorrideva all’ingenuità della ragazza. Oggi Michael, nella terra madre di Sicilia, si rende definitivamente conto di quanto quelle parole fossero profondamente veritiere, riflettendo come questi politici che in Italia ci sono da molti anni siano la vera mafia.
L’epilogo del capolavoro di Coppola è il nuovo passaggio di testimone, che vede nascere in Vincent, figlio di Sonny, la figura che porterà avanti la “tradizione” di famiglia. Rimane aperto un ciclo destinato a rimanere tale per sempre, per la natura stessa del principio su cui si basa: l’onore, che chiama continuamente sangue e vendetta.
Straordinario Al Pacino ad interpretare un personaggio terribile e bellissimo con maestria d’altri tempi. Difficile comunque continuare l’opera d’arte dopo la già ottima prova in uno dei pochi sequel riusciti della storia del cinema. Eppure Francis Ford Coppola dipinge magistralmente un ulteriore momento dell’epopea creata da Puzo, approfondendo nuovi temi e situazioni per dar vita a quello che è il meno apprezzato, ma forse il più profondamente realista e meno hollywoodiano dei tre lungometraggi.
Nominato a sette Oscar nel 1991, fra cui miglior attore non protagonista per l’ottima prova di Andy Garcia.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (73 Commenti, 75% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Giovedì 23 Marzo 2017 ore 21:33
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Narcos Domenica 24 Luglio 2016 ore 13:40
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (196 Commenti, 27% gradimento) Standby Medaglia d'Argento Domenica 31 Gennaio 2016 ore 15:56
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Venerdì 3 Luglio 2015 ore 01:35
voto al film:   8

Utente di Base (41 Commenti, 73% gradimento) Asdrubbale Martedì 28 Aprile 2015 ore 20:34
voto al film:   8,5

Medaglia d'Argento (180 Commenti, 65% gradimento) Noodles Medaglia d'Argento Giovedì 2 Aprile 2015 ore 15:58
3
voto al film:   9

Un grande film sotto tutti i punti di vista... a volte viene snobbato, forse penalizzato dell'immenso valore dei primi due capitoli rispetto ai quali è senz'altro inferiore, ma senza di essi sono convinto che se ne parlerebbe come di un capolavoro.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Stronzo91 Giovedì 25 Dicembre 2014 ore 12:15
voto al film:   7,5

Utente di Base (7 Commenti, 100% gradimento) garyson Giovedì 27 Novembre 2014 ore 12:28
2 1
voto al film:   8,5

Rimane un grande film anche se parecchio inferiore ai precedenti, la scelta di escludere il "consigliere" Tom Hagen è stato un errore errore gigantesco.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) CitizenKane Domenica 9 Novembre 2014 ore 22:43
voto al film:   8

Utente di Base (4 Commenti, 66% gradimento) genjiskhan Mercoledì 5 Novembre 2014 ore 00:13
voto al film:   7

Ultime Schede
Segreti di famiglia
Un'altra giovinezza
L'uomo della pioggia
Dracula di Bram Stoker
Il Padrino - parte III
Peggy Sue si è sposata
Cotton Club
Rusty il selvaggio
Apocalypse Now
Il Padrino - parte II
La conversazione
Il Padrino
Francis Ford Coppola
Segreti... di un'altra giovinezza
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Il Padrino (Cofanetto - The Coppola restoration)
L'Apocalisse del Produttore/Regista nel cinema: Francis Ford Coppola (eBook)  di A. Perrone
Apocalypse now. Cinema e letteratura in Francis Ford Coppola  di M. Muzi
Dal cuore della tenebra all'apocalisse  di L. Cimmino, D. Dottorini, G. Pangaro
Diario dall'Apocalisse. Dietro le quinte del capolavoro di Francis Ford Coppola  di E. Coppola
Francis Ford Coppola  di V. Zagarrio
Francis Ford Coppola  di F. Costa
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©