Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Solaris (1971)

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 12 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Solaris
titolo originale Solaris
nazione Russia
anno 1971
regia Andrej Tarkovskij
genere Fantascienza
durata 170 min.
cast N. Bondarciuk (Harey) • D. Banionis (Kris Kelvin) • J. Jarvet (Snaut)
sceneggiatura A. TarkovskijF. Gorenshtein
musiche E. ArtemyevV. Ovchinnikov
fotografia V. Yusov
montaggio L. FeiginovaN. Marcus
media voti redazione
Solaris Trama del film
Nella stazione spaziale in orbita intorno a Solaris, pianeta misterioso, accadono strani incidenti. Un celebre psicologo giunto in perlustrazione scopre che Solaris materializza tutte le immagini sepolte nella memoria degli astronauti. Individuato il "male", lo psicologo si trova a sua volta invischiato dall'entità aliena tanto da ritrovarsi (nella fantasia o nella realtà?) accanto alla moglie morta da anni, nella loro verdissima isba immersa nella campagna russa.

Recensione “Solaris”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
"Il cinema, per me, non è una professione, è una morale. Che rispetto per rispettarmi."
(A.Tarkovskij)


Non modellini di astronavi ma complesse architetture dell'anima; non mondi interstellari ma viaggio metaforico verso l'inesplorata realtà interiore.
Tratto dall’omonimo romanzo di Stanislaw Lem, "Solaris" è il primo autentico passo verso quel processo di interiorizzazione dell'immagine che Tarkovskij porterà ben presto a compimento.
Scomparsa ogni "dimensione epica", la macchina da presa circoscrive l'orizzonte visivo su un cosmo la cui estensione è quella dell'animo umano, colto nel silenzio della propria dimensione ideale. Tarkovskij lascia straripare, all’interno di una messa in scena "distillata", i suoi inquietanti interrogativi sui fantasmi che si agitano nei meandri della psiche umana.
La luce evidenzia una quiete esterna al tempo, in una dimensione di "naturale" immobilità contemplativa; un territorio in opposizione a un kubrikiano rigore geometrico caratterizzato dal caotico affollamento di oggetti, o resti, frammenti di oggetti che, "segno" della presenza umana, ingombrano pareti, pavimenti, tavoli, scaffali.
La parola e l’immagine collocate in un territorio espressivo altissimo, enigmatico e profondo, nel quale la ricerca del senso della vita, il significato assoluto della morte, la religiosità e la sacralità dell’esistenza ma anche il mistero, il dubbio e la paura si mescolano creando un sistema di segni, un codice di comunicazione inconfondibile incentrato sulla forza destabilizzante della nostalgia e del passato.
Premio Speciale della giuria al festival di Cannes (1972).
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (55 Commenti, 72% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Giovedì 23 Marzo 2017 ore 21:28
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Mercoledì 22 Febbraio 2017 ore 11:06
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Martedì 9 Giugno 2015 ore 15:14
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) CitizenKane Lunedì 9 Marzo 2015 ore 00:07
voto al film:   9,5

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Sabato 2 Novembre 2013 ore 14:58
voto al film:   10

Utente di Base (13 Commenti, 58% gradimento) Palopa Domenica 21 Aprile 2013 ore 00:21
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Ksenia89 Lunedì 10 Dicembre 2012 ore 08:32
voto al film:   10

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Venerdì 8 Giugno 2012 ore 11:13
voto al film:   8,5

Utente di Base (44 Commenti, 54% gradimento) Enrico88 Venerdì 4 Maggio 2012 ore 14:46
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (681 Commenti, 67% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Lunedì 6 Febbraio 2012 ore 17:30
5
voto al film:   9

Troppo poco visto, perchè considerato ostico e astruso, Tarkovskij è uno dei più grandi registi di tutti i tempi, è questo film è la risposta russa a 2001 odissea nello spazio. Una fantascienza tutta mentale, in cui lo spazio è metafora dell'io, o forse di Dio. Una dilatazione temporale e una fotografia incredibile regalano a quest'opera un fascino indecifrabile, che resiste a ogni spegazione. Perchè, come dice una battuta emblematica tagliata nell'edizione italiana, "cerchiamo di conquistare lo spazio, e avremmo bisogno di uno specchio".
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Solaris”
Solaris Johann Sebastian Bach e il cinema: rassegna della Fondazione Cineteca Italiana Johann Sebastian Bach e il cinema: rassegna della Fondazione Cineteca Italiana  (25 Marzo 2015)
Solaris Versione integrale di Solaris al Cinema Lantieri Versione integrale di "Solaris" al Cinema Lantieri  ( 1 Dicembre 2014)
Solaris Note sullo schermo: rassegna tra cinema e musica "Note sullo schermo": rassegna tra cinema e musica  (20 Febbraio 2007)
Solaris Firenze ricorda Andrej Tarkovskij Firenze ricorda Andrej Tarkovskij  (19 Dicembre 2006)
Solaris 'Scienceplusfiction': festival della fantascienza 'Scienceplusfiction': festival della fantascienza  (25 Settembre 2006)
Ultime Schede
Stalker
Solaris
Ruoli e mestieri nel cinema
quarta puntata: gli astronauti
Andrej Tarkovskij (eBook)  di T. Masoni, P. Vecchi
La forma dell'anima. Il cinema e la ricerca dell'assoluto  di A. Tarkovskij
Andrej Tarkovskij  di T. Masoni, P. Vecchi
L'arte allo specchio. Il cinema di Andrej Tarkovskij  di F. Borin
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©