Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Recensione: Solaris (1971)

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 12 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Solaris
titolo originale Solaris
nazione Russia
anno 1971
regia Andrej Tarkovskij
genere Fantascienza
durata 170 min.
cast N. Bondarciuk (Harey) • D. Banionis (Kris Kelvin) • J. Jarvet (Snaut)
sceneggiatura A. TarkovskijF. Gorenshtein
musiche E. ArtemyevV. Ovchinnikov
fotografia V. Yusov
montaggio L. FeiginovaN. Marcus
media voti redazione
Solaris Trama del film
Nella stazione spaziale in orbita intorno a Solaris, pianeta misterioso, accadono strani incidenti. Un celebre psicologo giunto in perlustrazione scopre che Solaris materializza tutte le immagini sepolte nella memoria degli astronauti. Individuato il "male", lo psicologo si trova a sua volta invischiato dall'entità aliena tanto da ritrovarsi (nella fantasia o nella realtà?) accanto alla moglie morta da anni, nella loro verdissima isba immersa nella campagna russa.

Recensione “Solaris”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
"Il cinema, per me, non è una professione, è una morale. Che rispetto per rispettarmi."
(A.Tarkovskij)


Non modellini di astronavi ma complesse architetture dell'anima; non mondi interstellari ma viaggio metaforico verso l'inesplorata realtà interiore.
Tratto dall’omonimo romanzo di Stanislaw Lem, "Solaris" è il primo autentico passo verso quel processo di interiorizzazione dell'immagine che Tarkovskij porterà ben presto a compimento.
Scomparsa ogni "dimensione epica", la macchina da presa circoscrive l'orizzonte visivo su un cosmo la cui estensione è quella dell'animo umano, colto nel silenzio della propria dimensione ideale. Tarkovskij lascia straripare, all’interno di una messa in scena "distillata", i suoi inquietanti interrogativi sui fantasmi che si agitano nei meandri della psiche umana.
La luce evidenzia una quiete esterna al tempo, in una dimensione di "naturale" immobilità contemplativa; un territorio in opposizione a un kubrikiano rigore geometrico caratterizzato dal caotico affollamento di oggetti, o resti, frammenti di oggetti che, "segno" della presenza umana, ingombrano pareti, pavimenti, tavoli, scaffali.
La parola e l’immagine collocate in un territorio espressivo altissimo, enigmatico e profondo, nel quale la ricerca del senso della vita, il significato assoluto della morte, la religiosità e la sacralità dell’esistenza ma anche il mistero, il dubbio e la paura si mescolano creando un sistema di segni, un codice di comunicazione inconfondibile incentrato sulla forza destabilizzante della nostalgia e del passato.
Premio Speciale della giuria al festival di Cannes (1972).
Commenti del pubblico







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (72 Commenti, 75% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Giovedì 23 Marzo 2017 ore 21:28
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Mercoledì 22 Febbraio 2017 ore 11:06
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Martedì 9 Giugno 2015 ore 15:14
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) CitizenKane Lunedì 9 Marzo 2015 ore 00:07
voto al film:   9,5

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Sabato 2 Novembre 2013 ore 14:58
voto al film:   10

Utente di Base (13 Commenti, 58% gradimento) Palopa Domenica 21 Aprile 2013 ore 00:21
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Ksenia89 Lunedì 10 Dicembre 2012 ore 08:32
voto al film:   10

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Venerdì 8 Giugno 2012 ore 11:13
voto al film:   8,5

Utente di Base (44 Commenti, 54% gradimento) Enrico88 Venerdì 4 Maggio 2012 ore 14:46
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Lunedì 6 Febbraio 2012 ore 17:30
5
voto al film:   9

Troppo poco visto, perchè considerato ostico e astruso, Tarkovskij è uno dei più grandi registi di tutti i tempi, è questo film è la risposta russa a 2001 odissea nello spazio. Una fantascienza tutta mentale, in cui lo spazio è metafora dell'io, o forse di Dio. Una dilatazione temporale e una fotografia incredibile regalano a quest'opera un fascino indecifrabile, che resiste a ogni spegazione. Perchè, come dice una battuta emblematica tagliata nell'edizione italiana, "cerchiamo di conquistare lo spazio, e avremmo bisogno di uno specchio".
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Solaris”
Solaris Johann Sebastian Bach e il cinema: rassegna della Fondazione Cineteca Italiana Johann Sebastian Bach e il cinema: rassegna della Fondazione Cineteca Italiana  (25 Marzo 2015)
Solaris Versione integrale di Solaris al Cinema Lantieri Versione integrale di "Solaris" al Cinema Lantieri  ( 1 Dicembre 2014)
Solaris Note sullo schermo: rassegna tra cinema e musica "Note sullo schermo": rassegna tra cinema e musica  (20 Febbraio 2007)
Solaris Firenze ricorda Andrej Tarkovskij Firenze ricorda Andrej Tarkovskij  (19 Dicembre 2006)
Solaris 'Scienceplusfiction': festival della fantascienza 'Scienceplusfiction': festival della fantascienza  (25 Settembre 2006)
Ultime Schede
Stalker
Solaris
Andrej Tarkovskij (eBook)  di T. Masoni, P. Vecchi
La forma dell'anima. Il cinema e la ricerca dell'assoluto  di A. Tarkovskij
Andrej Tarkovskij  di T. Masoni, P. Vecchi
L'arte allo specchio. Il cinema di Andrej Tarkovskij  di F. Borin
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©