Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Accattone

Leggi i commenti 5 COMMENTI Vota il film 13 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Accattone
titolo originale Accattone
nazione Italia
anno 1961
regia Pier Paolo Pasolini
genere Drammatico
durata 116 min.
cast F. Citti (Accattone) • F. Pasut (Stella) • S. Corsini (Maddalena) • R. Scaringella (Cartagine) • M. Cipriani (Balilla) • P. Guidi (Ascenza) • A. Cambria (Nannina) • D. Alleva (Iaio)
sceneggiatura P. PasoliniS. Citti
musiche C. Rustichelli
fotografia T. Delli Colli
montaggio N. Baragli
media voti redazione
Accattone Trama del film
Nella Roma dei primi anni ’60, seduto con gli amici ai tavolini di un bar, Vittorio Cataldi detto Accattone passa le sue giornate tra l’indolente e lo spaccone; nel momento in cui Maddalena, che fa prostituire per mantenersi, viene arrestata, Accattone deve mettersi a lavorare o rubare: la prima cosa gli riesce male. La seconda, peggio.

Recensione “Accattone”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 9)
Accattone segna l’esordio cinematografico di Pier Paolo Pasolini: l’ambientazione è quella dei suoi romanzi più famosi (Ragazzi di vita, Una vita violenta), lo sguardo pure. I personaggi che incontriamo si muovono sullo schermo, come nelle sue pagine, con una paradossale leggerezza gravata dal peso di un’esistenza scomoda, figli ripudiati di una società che essi stessi rifiutano.
Un mondo duro, affrontato con molta dignità e poco cervello, un atteggiamento che impedisce ad Accattone (contrariamente al Tommaso di “Una vita violenta”) di rialzarsi, spingendolo in basso fino alla morte, dapprima sognata, poi vera.
Muore molte volte Accattone, senza mai liberarsi del malessere che lo attanaglia da quando è al mondo: muore quando viene arrestata Maddalena, mettendo fine ad una routine nella quale ormai si raccapezzava; muore quando s’innamora di Stella, scoprendo di non saper gestire un sentimento di tale portata; poi sogna il proprio funerale, ma non c’è consolazione in questa morte tale e quale la vita, inutile al mondo e forse anche a se stesso, visto che, subito dopo, muore davvero. Ma è qui che si sublima il pensiero pasoliniano, quando Accattone sussurra “mo’ sto bbene” non c’è nulla della sua baldanza, ma la reale liberazione, nell’unico modo possibile, da una vita vissuta come una malattia.
L’immagine simbolo di questo personaggio meraviglioso nel suo continuo oscillamento tra riso e malumore, tra paradosso e realtà, è lui stesso ad offrircela, dopo un raptus di follia, guardando nell’obiettivo col volto pieno di sabbia. Caparbietà e tragicità, nello sguardo di Accattone si può leggere tutto il non-senso della sua esistenza, una sofferenza innata, una continua richiesta d’aiuto repressa, ma destinata, qualora espressa, a cadere nel vuoto.
Cadendo, Vittorio Cataldi detto Accattone, si eleva ad un livello dell’immaginario umano, in un miscuglio di grandezza, poesia e dannazione, inarrivabile.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Narcos Lunedì 1 Agosto 2016 ore 18:43
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Mercoledì 4 Maggio 2016 ore 11:09
voto al film:   8

Utente di Base (13 Commenti, 50% gradimento) Tesla Venerdì 15 Gennaio 2016 ore 15:23
1
voto al film:   9,5

vojo morì co tutto l'oro addosso, come i faraoni
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 75% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Giovedì 2 Luglio 2015 ore 14:36
voto al film:   8,5

Medaglia d'Oro (265 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Giovedì 15 Gennaio 2015 ore 18:26
1
voto al film:   8,5

Con quest'esordio folgorante Pasolini dà voce e corpo ai personaggi di quella umanità reietta e dannata di cui sono costellate le periferie degradate di Roma all'inizio degli anni 60.La stessa umanità già delineata in Ragazzi di vita e in una vita violenta.Film duro, con personaggi cui non viene concessa nessuna possibilità di scampo. Concordo con Ale84: il film è semplice e diretto come i romanzi, non è cerebrale.Lo sguardo di Vittorio intenso e grave resta a lungo impresso nemma mente.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (3 Commenti, 66% gradimento) Epo11 Venerdì 29 Agosto 2014 ore 00:10
voto al film:   8,5

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Sabato 2 Novembre 2013 ore 14:34
voto al film:   7,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) mediNat Venerdì 24 Maggio 2013 ore 00:23
voto al film:   7

Utente di Base (9 Commenti, 44% gradimento) Nenne Giovedì 6 Dicembre 2012 ore 18:05
1
voto al film:   8

Accattone rappresenta in pieno la visione pessimistica ( a dir poco ) e degradante dell'uomo, guidato dal puro istinto che lo porta ad essere molto più vicino all'animale che all'essere umano in sè. Allo stesso tempo però in Accattone il protagonista in dei frammenti è consapevole del suo essere animale, ma consapevole di non poter fare altrimenti si avvicina sempre di più alla disperazione portando avanti imperterrito il suo atteggiamento.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) droogalex Giovedì 1 Dicembre 2011 ore 15:40
voto al film:   10

News sul film “Accattone”
Accattone Il doc su Alfredo Bini allo Spazio Oberdan Il doc su Alfredo Bini allo Spazio Oberdan  (21 Marzo 2016)
Accattone Giovedì 8 maggio evento Pasolini Pigneto Giovedì 8 maggio evento Pasolini Pigneto  ( 7 Maggio 2014)
Accattone Dal 15 ottobre al 2 novembre Ciao Pierpà' 2011 al Pigneto Dal 15 ottobre al 2 novembre "Ciao Pierpà' 2011" al Pigneto  (12 Ottobre 2011)
Accattone Figli di Accattone: cinema e periferie in rassegna all'Alphaville Figli di "Accattone": cinema e periferie in rassegna all'Alphaville  (30 Giugno 2011)
Accattone Franco Citti a Bologna per i Premi Pasolini Franco Citti a Bologna per i Premi Pasolini  (12 Dicembre 2008)
Accattone Bernardo Bertolucci Leone d'Oro del 75° Bernardo Bertolucci Leone d'Oro del 75°  ( 7 Settembre 2007)
Accattone In rassegna a Roma il Godard meno conosciuto In rassegna a Roma il Godard meno conosciuto  (20 Dicembre 2006)
Accattone Museo Nazionale del Cinema, omaggio a Pasolini Museo Nazionale del Cinema, omaggio a Pasolini  ( 9 Giugno 2006)
Ultime Schede
Uccellacci e uccellini
Il Vangelo secondo Matteo
Mamma Roma
Accattone
Pier Paolo Pasolini
Pasolini trent'anni dopo
Pier Paolo Pasolini  di I. Moscati
Accattone  di L. De Giusti, R. Chiesi
Pasolini e l'interrogazione del sacro  di A. Felice, G. Gri
Pasolini. Sade e la pittura.  di M. Balbi
Pasolini in salsa piccante  di M. Belpoliti
I Luoghi di Pasolini  di A. Paolella
Pier Paolo Pasolini. La ricotta  di T. Subini
Pier Paolo Pasolini. La Rabbia  di R. Chiesi
I burattini filosofi. Pasolini dalla letteratura al cinema  di M. Bazzocchi
Io vivo nelle cose. Appunti di viaggio da «Rooms» a Pasolini  di E. Casagrande, D. Nicolò
Il cinema di Pier Paolo Pasolini  di A. Ferrero
I teatri di Pasolini  di S. Casi
Attraverso Pasolini  di F. Fortini
Il re dei giapponesi  di P. Pasolini
Bestemmia (3-4)  di P. Pasolini
Bestemmia. Tutte le poesie (1-2)  di P. Pasolini
Antologia della lirica pascoliana  di P. Pasolini
Accattone-Mamma Roma-Ostia  di P. Pasolini
Il sogno di una cosa  di P. Pasolini
Empirismo eretico  di P. Pasolini
Pier Paolo Pasolini. «Accattone»  di S. Parigi
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©