Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Il figlio di Saul

Leggi i commenti 4 COMMENTI Vota il film 6 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Il figlio di Saul
titolo originale Saul fia
nazione Ungheria
anno 2015
regia Laszlo Nemes
genere Drammatico
durata / note 107 min. / opera prima
cast G. Röhrig (Saul) • L. Molnár (Abraham) • K. Dobrowolski (Mietek) • U. Rechn (Biedermann) • T. Charmont (Braun) • S. Zsótér (Dottore)
sceneggiatura C. RoyerL. Nemes
musiche L. Melis
fotografia M. Erdély
montaggio M. Taponier
uscita nelle sale 21 Gennaio 2016
media voti redazione
Il figlio di Saul Trama del film
Nel campo di sterminio di Auschwitz un prigioniero è incaricato di bruciare i corpi degli altri reclusi. Caduto in una profonda crisi umana e spirituale, l'uomo cerca il riscatto tentando di salvare dal quella sorte i resti di un bambino che crede essere suo figlio.
Scheda a cura di Fabiana Proietti










L’orrore dell’Olocausto rivive in un’estetica profondamente contemporanea, figlia del videogame, che la via Crucis attraverso i livelli del campo di concentramento sembra riprodurre, in perenne semi-soggettiva alle spalle del protagonista. Se anche a tratti affiora il dubbio che il cuore dell’opera sia unicamente nella sua forma, Nemes realizza una tesa parabola sulla bestialità umana, dove la prospettiva metonimica non fa che rafforzare la potenza visiva.
REGIA - FOTOGRAFIA - MONTAGGIO - RITMO - ORIGINALITÀ - IMPEGNO - POETICITÀ - TENSIONE - EFFETTI SPECIALI - COSTUMI - EFFETTI SONORI
SCENEGGIATURA - MUSICHE
---
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) giulia Domenica 26 Febbraio 2017 ore 20:53
voto al film:   7

Utente di Base (35 Commenti, 58% gradimento) franz65 Mercoledì 29 Giugno 2016 ore 01:18
voto al film:   7

il film ha spunti notevoli, momenti di grande intensità narrativa dovuti essenzialmente alla scelta dell'inquadratura in soggettiva, dolorosa e asfissiante. Ma ha anche grandi limiti. E' difficile rappresentare l'orrore, compito improbo, ancora più difficile rappresentare l'orrore della shoah: anche in questo caso il tema si appoggia quasi del tutto sul fatto che il pubblico conosce la terribile ferocia della vicenda storica e a questa rimanda per dare un senso ai non pochi vuoti della vicenda narrata.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (166 Commenti, 65% gradimento) Clavius Medaglia d'Argento Mercoledì 23 Marzo 2016 ore 15:43
voto al film:   8

Il giovane regista ungherese gira un film originale e potente. Esteticamente di grande impatto e utilizzando un linguaggio cinematografico innovativo, viene rappresentato l'Inferno. Del nazismo solo echi lontani. Ad essere gridato è l'orrore tal e quale nel quale affoga e si perde l'uomo. Il finale catartico e bellissimo è l'unico raggio di luce in uno spaventoso e claustrofobico viaggio nelle tenebre dell'immorale. La conservazione di una flebile umanità anche durante la notte dell'etica è ciò che resterà. Anche alla fine della Storia.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (172 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Mercoledì 17 Febbraio 2016 ore 15:57
voto al film:   6

Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Lunedì 8 Febbraio 2016 ore 17:15
voto al film:   7,5

Film potentissimo, in grado di restituire forza a un tema ormai abusato cinematograficamente come quello dell'olocausto; film originale e coraggioso, per quanto di non facilissima digestione (astenersi stomaci deboli), che brilla soprattutto per la regia, che tampina il protagonista con la macchina da presa lasciando tutto il resto sullo sfondo. Un viaggio all'inferno di sicuro impatto, che racconta "una questione privata" sullo sfondo della tragedia collettiva, un po' come il romanzo di Fenoglio.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (22 Commenti, 42% gradimento) Bao_Luo Venerdì 29 Gennaio 2016 ore 10:46
voto al film:   9

mi chiedo chi possa dire che il pregio dell'opera sta solamente nella forma. comedire che non c'è emozione.
a chi lo considera qualcosa di più di un esercizio formale: leggete anche l' intrvista a Nemes che c'è nella pagina, fa capire ancora di più.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Il figlio di Saul”
Il figlio di Saul David di Donatello: vincono Genovese, Garrone e Mainetti David di Donatello: vincono Genovese, Garrone e Mainetti  (19 Aprile 2016)
Il figlio di Saul Le nomination ai David per documentario, corto e film straniero Le nomination ai David per documentario, corto e film straniero  (31 Marzo 2016)
Il figlio di Saul Il figlio di Saul torna in sala per due giorni "Il figlio di Saul" torna in sala per due giorni  ( 7 Marzo 2016)
Il figlio di Saul Gli Oscar 2016 Gli Oscar 2016  ( 1 Marzo 2016)
Il figlio di Saul I vincitori dei Golden Globes 2016 I vincitori dei Golden Globes 2016  (18 Gennaio 2016)
Il figlio di Saul Le nominations agli Oscar 2016 Le nominations agli Oscar 2016  (14 Gennaio 2016)
Il figlio di Saul I candidati all'Oscar per il Miglior film straniero I candidati all'Oscar per il Miglior film straniero  (24 Dicembre 2015)
Il figlio di Saul Palma d'oro a Dheepan di Audiard, italiani a secco Palma d'oro a "Dheepan" di Audiard, italiani a secco  (25 Maggio 2015)
Ultime Schede
Il figlio di Saul
Oscar 2016
88esima edizione degli Academy Awards
Festival di Cannes 2015
68ª Edizione
Laszlo Nemes
Leggi l'intervista a Laszlo Nemes per “Il figlio di Saul
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©