Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Il cacciatore

Leggi i commenti 6 COMMENTI Vota il film 31 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Il cacciatore
titolo originale The Deer Hunter
nazione U.S.A.
anno 1978
regia Michael Cimino
genere Drammatico
durata 183 min.
cast R. De Niro (Michael) • C. Walken (Nick) • J. Savage (Steven) • J. Cazale (Stanley) • M. Streep (Linda) • G. Dzundza (John) • R. Alda (Angela)
sceneggiatura D. Washburn
musiche S. Myers
fotografia V. Zsigmond
montaggio P. Zinner
media voti redazione
Il cacciatore Trama del film
Mike, Nick e Steven lavorano in un'acciaieria di Clayton, Pennsylvania, e nel tempo libero cacciano cervi. Vengono chiamati alle armi per essere inviati in Vietnam, ma prima Steven sposa Angela. In guerra, i tre amici subiscono una terribile prigionia. Quando riescono a evadere, vengono separati: Steven è in un ospedale, paralizzato; Nick si imbosca a Saigon, preda degli organizzatori di roulette russa; Mike, tornato a casa, conforta Linda, la ragazza di Nick; in una battuta di caccia, risparmia un cervo a portata di tiro; convince poi Steven a ricongiungersi alla moglie. Di nuovo in una caotica, infernale Saigon in completo disfacimento, Mike tenta invano di impedire a Nick un'ultima, mortale partita.

Recensione “Il cacciatore”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 9)
“Mutilazioni di carne e mente”

Il Vietnam di Cimino, quì al suo secondo film, è tragedia e follia collettiva, disperazione individuale e solitudine senza rimedio, un colpo al cuore all’America e ai suoi sogni. Un viaggio verso gli inferi, attraverso gironi danteschi popolati da “bestie feroci” (soprattutto i viet-cong…) che di umano sembrano avere solo l’aspetto, quando non completamente distrutto da mutilazioni, fisiche ma anche mentali.
La pace. Nella prima ora si assiste alla realtà di un piccolo paesino della Pennsylvania, nel quale vivono Mike, Steve e Nick; sono amici e compagni di lavoro in una fabbrica, quando hanno del tempo libero vanno a caccia di cervi. Tutto scorre lentamente, la macchina da presa è “semplice” testimone di questo vivere pacifico e senza problemi, ma riesce anche ad analizzare psicologicamente i personaggi, cogliendo dettagli, delineando sfumature… Nella scena del matrimonio tra Steve e Angela, dopo una lunga sequenza da “Padrino” nella quale si assiste a canti, balli e tradizioni popolari, un particolare inquietante annuncia simbolicamente l’inizio della fine. Una goccia di vino color sangue cade dal calice degli sposi sull’abito di Angela, e la superstizione premonitrice di sfortuna non tarderà a compiersi.
La guerra. Il giorno dopo i tre partono per la guerra, verranno catturati dai nemici, e per loro niente sarà più come prima. La vita qualunque di provincia diventa la vita qualunque di un prigioniero di guerra, tra umiliazioni e torture. Quella della roulette russa è straziante (sia per i personaggi che per lo spettatore), un trauma dal quale sarà difficile riprendersi. La scena dei compagni in una palafitta infestata da topi costretti a spararsi in testa uno di fronte all’altro, rimarrà impressa (oltre che nella Storia del cinema) in Michael, Steven e soprattutto Nick. Ognuno di loro reagirà in maniera diversa, ma tutti saranno sconfitti: una volta liberati, Steven perde le gambe e un braccio, e con questo la voglia di tornare indietro e affrontare la vita spezzata (sia mentalmente che fisicamente) dal dolore; Michael, che è il più forte di carattere, in fondo non riuscirà mai più ad integrarsi nuovamente nella società, è solo; Nick non riuscirà a liberarsi dalla follia che come un cancro lo ha divorato dal quel tragico giorno.
Vincitore di ben 5 premi Oscar (miglior film, regia, attore non protagonista, sonoro e montaggio), Il cacciatore è senza dubbio uno dei migliori film su un passato storico (tanto doloroso quanto evitabile, e per questo ancor più doloroso) ampiamente trattato dal cinema americano. Il cast straordinario, l’eleganza del montaggio e la forza delle immagini, unite ad una buona dose di retorica e auto-commemorazione (God bless America!) rendono questo film un cult, capace di descrivere magistralmente non solo la guerra in Vietnam -nella parte centrale- ma anche la Storia di un Paese intero e dei suoi Figli.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (9 Commenti, 75% gradimento) Maverick Sabato 4 Marzo 2017 ore 14:09
voto al film:   8,5

Medaglia d'Argento (196 Commenti, 27% gradimento) Standby Medaglia d'Argento Lunedì 28 Novembre 2016 ore 18:24
voto al film:   8,5

Utente di Base (19 Commenti, 0% gradimento) Trinity Lunedì 30 Maggio 2016 ore 02:35
voto al film:   7

Utente di Base (11 Commenti, 50% gradimento) ptrluxx19 Domenica 20 Marzo 2016 ore 16:49
1
voto al film:   8,5

...Un colpo solo.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (38 Commenti, 72% gradimento) Asdrubbale Sabato 10 Ottobre 2015 ore 19:06
voto al film:   8,5

Utente di Base (4 Commenti, 100% gradimento) celticpride Lunedì 31 Agosto 2015 ore 20:49
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Stronzo91 Domenica 30 Novembre 2014 ore 10:51
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (171 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Giovedì 26 Giugno 2014 ore 03:12
voto al film:   8

*di Walken
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (171 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Giovedì 26 Giugno 2014 ore 03:10
2
voto al film:   8

La vita semplice e gaia del paese, la caccia, la gioia dell'amore e di un matrimonio su cui la camera indugia; poi immediatamente le bombe, il sangue, il delirio del Vietnam: lo stacco di Cimino è repentino, lancinante, eppure presagito nella goccia di vino che irrora l'abito della sposa.
Interpretazioni spettacolari di De Niro, della Walken, di una sontuosa Meryl Streep. Dito nella piaga in un finale sorprendente, cantando "God bless America" con un menomato, un morto, una metamorfosi anche completa in ogni personaggio. Non è solo un film sulla guerra e sull'idea che nulla, dopo, sarà come prima: è un film sull'uomo.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (11 Commenti, 62% gradimento) Overman1844 Giovedì 27 Febbraio 2014 ore 18:23
voto al film:   8,5

News sul film “Il cacciatore”
Il cacciatore Roma: Auditorium, omaggio a Michael Cimino Roma: Auditorium, omaggio a Michael Cimino  (14 Aprile 2007)
Ultime Schede
Il cacciatore
Robert De Niro
Il figlio del bronx
Michael Cimino  di G. Mancini
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©