Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza

Leggi i commenti 6 COMMENTI Vota il film 12 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza
titolo originale En duva satt pa en gren och funderade pa tillvaron
nazione Svezia / Germania / Norvegia / Francia
anno 2014
regia Roy Andersson
genere Drammatico
durata 101 min.
cast N. Westblom (Sam) • H. Andersson (Jonathan)
sceneggiatura R. Andersson
fotografia I. BorbásG. Pálos
montaggio A. Strauss
uscita nelle sale 19 Febbraio 2015
media voti redazione
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza Trama del film
In un non precisato paesaggio occidentale, un venditore e un ritardato mentale intraprendono un viaggio. Un percorso fatto di incontri e situazioni inaspettate, che diventano strumento per offrire un punto di vista originale sulla società attuale, caratterizzata dalla supremazia della vanità.
Scheda a cura di Rosario Sparti










39 piani-sequenza a camera fissa. 39 stanze di ordinario surrealismo. 39 vignette di umorismo nerissimo. 39 coltellate all’uomo moderno. Realtà e astrazione s’incontrano ancora una volta nel cinema di Andersson, che chiude la trilogia su "cosa vuol dire essere un essere umano" mostrandoci un’umanità disperata, prossima ad avvicinarsi alla fine con spirito rassegnato, riuscendo a trovare conforto solo nei ricordi del passato o in qualche scherzo di Carnevale.
REGIA - ORIGINALITÀ - POETICITÀ - HUMOUR
---
---
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (53 Commenti, 38% gradimento) Attila Medaglia di Bronzo Venerdì 8 Gennaio 2016 ore 20:54
voto al film:   9

Medaglia d'Argento (154 Commenti, 73% gradimento) Zurlistuta Medaglia d'Argento Mercoledì 16 Settembre 2015 ore 04:15
voto al film:   6,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Martedì 15 Settembre 2015 ore 17:00
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Martedì 9 Giugno 2015 ore 15:02
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (271 Commenti, 63% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Giovedì 2 Aprile 2015 ore 09:31
voto al film:   7

Medaglia di Bronzo (54 Commenti, 72% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Domenica 15 Marzo 2015 ore 11:30
voto al film:   8

Utente di Base (6 Commenti, 0% gradimento) bergman Venerdì 27 Febbraio 2015 ore 20:32
3 3
voto al film:   9

capolavoro assoluto...Roy Andersson vince meritatamente a Venezia con un film sublime, che nel suo totale rifiuto narrativo offre uno sguardo struggente ed impietoso sull'umanità dolente...la conclusione della trilogia Anderssoniana (che dovrebbe avere un seguito in un "quarto" capitolo, sono parole dell'Autore) offre allo spettatore l'enormità del messaggio unito all'alto magistero della tecnica pittorica, riuscendo a fondere significante e significato in una sintesi mirabile...se proprio non si vuole resistere alla tentazione di cogliere suggestioni interpretative, si potrebbe tentare un accostamento morale a Bergman ed uno stilistico a Kaurismaki...ma sono vuoti esercizi di stile di fronte ad un'Opera immensa, dolente e ironica...
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (320 Commenti, 65% gradimento) AlessioRocco Medaglia d'Oro Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 20:48
1
voto al film:   6,5

Spettatori curiosi e vogliosi di sperimentare, fatevi avanti. Apparentemente fondato più sulla costruzione fotografica dell'immagine che sui contenuti narrativi, è in realtà una commedia nera con diverse cose da dire. Lo svedese Roy Andersson tocca corde inconsuete, e la fruizione potrebbe risultarvi un po' ostica.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (65 Commenti, 65% gradimento) priMario Medaglia di Bronzo Giovedì 26 Febbraio 2015 ore 16:11
5 1
voto al film:   7

Diciamolo subito: non è cinema d'intrattenimento. Come piccioni su un ramo, assistiamo alle cartoline animate di Anderson che asciuga la moderna esistenza alla quintessenza, ovvero, al vuoto: luoghi comuni, frasi fatte e situazioni stereotipate. Personaggi impersonali, che dialogano sul nulla ci mostrano la perdita dell'"essere un essere umano" e, quando qualcuno talvolta prova a interrogarsi sulla problematiche dell'esistenza, gli viene risposto, ad esempio, che è tardi e bisogna andare a dormire. Probabilmente il regista individua nel linguaggio verbale e nei contesti sociali standardizzati la causa della perdita dell'umanità: basti pensare che solo nelle brevissime immagini fuori contesto e senza dialoghi [un uomo che fuma alla finestra, la giovane coppia sulla spiaggia] riscopriamo la poesia della vita.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (263 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Martedì 24 Febbraio 2015 ore 17:18
3 1
voto al film:   7

Figure algide,personaggi svuotati di interiorità, ridotti a caricature di se stessi;storia surreale che rifugge da tutti gli schemi e disorienta per la frammentarietà; brandelli di vita senza nessi causali/temporali tenuti insieme da un esile filo narrativo; ambienti che come quadri di Hopper sottolineano la solitudine,la desolazione,l’incomunicabilità dell’essere umano,la ripetitività delle sue azioni prive di significato.A tale visione fanno da contrappunto, creando un effetto comico/grottesco, la musica di sottofondo e l’uso di un linguaggio convenzionale(“sono felice di sapere che state tutti bene”è una frase che attraversa tutto il film;la maschera di zio Dentone, il sacchetto di finte risate sono oggetti inutili da vendere per divertire la gente),innescando il passaggio di registro dalla tragedia alla farsa.Con un’idea di base originale e ben congegnata all’inizio il film parte alla grande ma il tono rimane monocorde girando sempre intorno allo stesso tema senza progressione
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza”
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza Le nominations degli European Film Awards 2015 Le nominations degli European Film Awards 2015  (10 Novembre 2015)
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza Venezia 71: a Roy Andersson il Leone d'oro Venezia 71: a Roy Andersson il Leone d'oro  ( 6 Settembre 2014)
Ultime Schede
Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza
You, the living
Festival di Venezia 2014
71a Mostra del Cinema dal 27 agosto al 6 settembre
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©