Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Un padre, una figlia

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 5 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Un padre, una figlia
titolo originale Bacalaureat
nazione Romania
anno 2016
regia Cristian Mungiu
genere Drammatico
durata 128 min.
cast V. Ivanov (Chief Inspector) • M. Dragus (Eliza) • A. Titieni (Romeo) • L. Bugnar (Magda) • L. Mocanu (Sig.ra Bulai) • V. AndriutaG. Ifrim (Agente Sandu)
sceneggiatura C. Mungiu
fotografia T. Panduru
montaggio M. Olteanu
uscita nelle sale 30 Agosto 2016
media voti redazione
Un padre, una figlia Trama del film
Il film racconta le difficoltà e i compromessi dell'essere una famiglia.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (41 Commenti, 77% gradimento) barney Domenica 15 Gennaio 2017 ore 22:16
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (268 Commenti, 62% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Giovedì 22 Settembre 2016 ore 01:25
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (257 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Giovedì 8 Settembre 2016 ore 12:33
voto al film:   8

Medaglia d'Argento (160 Commenti, 65% gradimento) Clavius Medaglia d'Argento Venerdì 2 Settembre 2016 ore 01:18
3
voto al film:   7

Serpeggianti dilemmi morali disturbano la quiete di Romeo, medico rappresentante della media borghesia romena. Vorrebbe essere padre modello ma finisce col trovarsi suo malgrado al centro di un turbine di scelte che confliggono palesemente con la sua visione ideale. Intorno c'è lo sfondo costituito da una Romania corrotta, grigia e depressa. In mezza la spinta a fuggire, la speranza che le nuove generazioni possano realizzarsi lontano dalle atmosfere mefitiche di una Romania alle prese con una questione morale diffusa e metastatica. Ma anche la fuga non salva più. Ritratto spietato di una nazione che è nel contempo una riflessione amara sulle debolezze umane. Ogni personaggio (nessuno escluso) sembra muoversi sulla scena per necessità individuali, derivato, anche nel piccolo, di un qualsivoglia faro morale. La narrazione asciutta e con molti snodi nella trama ben scritta sembra giungere ad un punto morto, ad una fotografia senza sviluppo, ad un'etica paludosa senza scampo.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (680 Commenti, 67% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Sabato 27 Agosto 2016 ore 11:18
1
voto al film:   8

Ennesima perla firmata Mungiu, un regista che finora non ha sbagliato neanche un film: un dramma morale intensissimo costruito su una sceneggiatura perfetta, sorretta da una regia asciutta e precisa. Ritratto di un paese, analisi spietata delle debolezze umane, studio psicologico del rapporto genitori-figli: nel film c'è tutto questo, senza giudizi preconfezionati o facili moralismi. Il film pone domande: allo spettatore trovare le risposte.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Un padre, una figlia”
Un padre, una figlia Palma d'Oro a Ken Loach Palma d'Oro a Ken Loach  (23 Maggio 2016)
Ultime Schede
Recensione Un padre, una figlia Scheda: Alps  di Y. Lanthimos
Un padre, una figlia
Oltre le colline
Racconti dell'età dell'oro
4 mesi, 3 settimane e 2 giorni
Festival di Cannes 2016
69ª Edizione
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©