Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Amores perros

Leggi i commenti 4 COMMENTI Vota il film 29 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Amores perros
titolo originale Amores perros
nazione Messico
anno 2000
regia Alejandro Gonzalez Inarritu
genere Drammatico
durata 147 min.
cast E. Echevarria (El Chivo) • G. García Bernal (Octavio) • G. Toledo (Valeria Maya) • A. Guerrero (Daniel)
sceneggiatura G. Arriaga
musiche G. Santaolalla
fotografia R. Prieto
montaggio A. InarrituL. CarballarF. Perez Unda
media voti redazione
Amores perros Trama del film
Città del Messico ,tre storie che si incrociano: il giovane teenager Octavio decide di fuggire con Susana, la moglie di suo fratello. Daniel, lascia moglie e figlia per andare a vivere con Valeria, una splendida modella. Infine, el Chivo, ex guerrigliero comunista che dopo aver passato diversi anni in prigione, è profondamente deluso dalla vita e dal lavoro di sicario.

Recensione “Amores perros”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
Con la barba tagliata e gli abiti puliti, rimane qualcosa di "irreparabile" nel viso di El Chivo; forse la pelle segnata, forse gli occhiali tenuti su con lo scotch. Il rituale della foto-tessera, per la liberazione da un passato impossibile da capovolgere, è la fragile ricerca di un'immagine di sé ormai in frantumi.
Irreparabile è la morte di Ramiro e l'abisso che scava tra Octavio e Susana; irreparabile, per Valeria, è la perdita delle gambe. E l'incidente d'auto che allaccia le tre storie in un unico, violentissimo istante, condensa questa lacerazione irreversibile.
Ogni perdita è definitiva ed è l'unica "necessità" esistente.
Octavio e Susana, Daniel e Valeria, El Chivo e Maru: tre storie d'amore raccontate lungo percorsi diversi e con uno stile capace di oscillare dal pedinamento al distacco. Anche l'appartenenza sociale spazia dalla povertà disperata in cui annegano Octavio e Susana al mondo dorato di Daniel e Valeria, con El Chivo a fare da anello di congiunzione, ex-borghese ed ex-terrorista, ora barbone e sicario. Ma a unire le diverse storie è la presenza costante ed ossessiva del denaro, che non esprime semplicemente il funzionamento dei meccanismi sociali, ma si insinua nella vita dei protagonisti fino a pretendere di legittimarne il sentimento. E' come se il gesto amoroso prenda corpo innanzitutto nell'offerta di denaro in modo assolutamente ingenuo, ma finendo per generare una sorta di sfasatura che ne comporta il fraintendimento.
Anche perchè gli "amori cani" di Inarritu sono soprattutto amori sinceri, ma è come se il loro senso si ritrovi solo nella perdita, in uno slancio che cade nel vuoto e che può unicamente trasformarsi in un assolo disperato. Esemplare quindi il ruolo svolto nel film dalle fotografie; istanti sottratti al tempo e a questa terribile erosione dei corpi e degli animi. Il tempo scava intorno ai personaggi, scava la loro carne e il loro spirito privandoli di qualsiasi appiglio dentro e fuori di sé.
Camera da presa sempre a spalla, nessun carrello, quasi nessuna panoramica; il cinema che Inarritu ha in mente è fatto di altri movimenti.
La storia dei cani, in "Amores Perros", scorre parallela a quella dei protagonisti; una storia di corpi martoriati e abbandoni improvvisi, che fanno passare attraverso la telecamera l’odore e il sapore di questo ennesimo attraversamento del dolore.
La vita gli ha tolto tutto, ma, come recita la didascalia finale, a stabilire l'unico spiraglio in questa spietata logica esistenziale, "Siamo anche quello che perdiamo".
Presentato al Festival di Cannes: Gran Premio Miglior lungometraggio. Premio della critica giovani. Premiato ai Festival di: Bogotà, Chicago, Edinburgo, Flanders, Los Angeles, Tokio, Palm Spring. Candidato all'Oscar 2001 come Miglior Film Straniero.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (50 Commenti, 79% gradimento) barney Medaglia di Bronzo Domenica 12 Marzo 2017 ore 07:59
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Narcos Domenica 24 Luglio 2016 ore 13:38
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Martedì 26 Aprile 2016 ore 17:40
voto al film:   8

Utente di Base (11 Commenti, 50% gradimento) ptrluxx19 Mercoledì 9 Marzo 2016 ore 17:16
voto al film:   8,5

Utente di Base (34 Commenti, 60% gradimento) franz65 Lunedì 4 Gennaio 2016 ore 13:11
3
voto al film:   8,5

niente male, davvero un film travolgente, c'è una grande forse espressiva e una narrazione complessa. niente colpa e espiazione (cliché in cui purtroppo cade 21 grammi), poesia in corpore vili
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Mercoledì 25 Febbraio 2015 ore 12:13
voto al film:   7,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Venerdì 5 Settembre 2014 ore 17:04
voto al film:   8,5

Utente di Base (1 Commento, 0% gradimento) marcus14 Martedì 7 Gennaio 2014 ore 13:43
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (477 Commenti, 69% gradimento) diego93 Medaglia d'Oro Lunedì 6 Gennaio 2014 ore 14:24
2 2
voto al film:   6

L'esordio di Inarritu segna il suo stile, immediato e tragico, nel raccontare con un'estrema abilita' nell'uso della camera a mano un mucchio di vite che si scontrano fra loro (cosa che sara' il deus ex machina dei successivi 21 grammi e Babel): la prima parte sembra un film di denuncia sulla violenza e il degrado che esplodono nei bassifondi della metropoli, il secondo pezzo e' a tutti gli effetti un horror grottesco mentre l'ultimo episodio si concentra sul solo personaggio di El Chico, enigmatico sicario tormentato dal passato, con venature da thriller psicologico. E' il primo della cosiddetta "trilogia della morte" e a mio parere il meno incisivo, forse perche' la sceneggiatura di Arriaga e l'arrangiamento della storia sembrano incerti e meno maturi rispetto ai successivi (meno coinvolgenti la parte centrale e finale ma non per questo meno interessanti), anche si rimane attaccati allo schermo per la forza visiva trasmessa dal film.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (224 Commenti, 80% gradimento) giampaolosy Medaglia d'Oro Giovedì 2 Gennaio 2014 ore 02:13
1
voto al film:   8

Massima espressione del cinema messicano e latino degli anni 90-00. Cinema postmoderno in salsa mariachi. Sorprendente e fondamentale.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Amores perros”
Amores perros No di Pablo Larrain apre il Milano Film Festival "No" di Pablo Larrain apre il Milano Film Festival  ( 2 Maggio 2013)
Amores perros Charlize Theron per la regia di Guillermo Arriaga Charlize Theron per la regia di Guillermo Arriaga  (12 Luglio 2007)
Amores perros Inarritu rompe con il suo sceneggiatore Inarritu rompe con il suo sceneggiatore  (27 Febbraio 2007)
Ultime Schede
Revenant - Redivivo
Birdman
Biutiful
Babel
21 grammi
Amores perros
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©