Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Mulholland Drive

Leggi i commenti 11 COMMENTI Vota il film 55 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Mulholland Drive
titolo originale Mulholland Drive
nazione U.S.A. / Francia
anno 2001
regia David Lynch
genere Drammatico
durata 145 min.
cast N. Watts (Betty) • L. Harring (Rita) • A. Miller (Coco) • J. Theroux (Adam Kesher) • R. Forster (Harry Mcknight)
sceneggiatura D. Lynch
musiche A. Badalamenti
fotografia P. Deming
montaggio M. Sweeney
media voti redazione
Mulholland Drive Trama del film
Una giovane, fragile e un po' ingenua ragazza di nome Betty arriva a Los Angeles con il sogno di divenire una grande attrice. Nell'appartamento che le presta sua zia incontrerà Rita, una donna sopravvissuta ad un incidente occorso a Mulholland drive, dove ha perso la memoria. Nella stessa città c'è un egocentrico regista che deve sottometersi ai produttori del suo film, che gli impongono la protagonista. Diverse trame che si intrecciano tra mistero e sogno, con i personaggi alla ricerca di una identità nascosta tra vita e morte, amore e sofferenza.

Recensione “Mulholland Drive”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 9)
Un ballo sfrenato, un’inquadratura che si “poggia” sul cuscino, i titoli di testa che iniziano a fluire…Presagi di un’esperienza visiva e sensoriale senza eguali, di un viaggio filmico nell’inconscio più recondito, attraverso le (ormai) famose atmosfere oniriche di Lynch, maestro di allucinazione.
Una storia che è sogno e realtà, che costantemente e provocatoriamente sfugge al senso per rappresentare il significato, più lineare di quanto sembri. Hollywood viene pugnalata a morte senza rendersene conto, perché forse nessuno glielo ha spiegato, di certo non sarà lui, il regista, a farlo. Una catarsi paradossale, perché nel momento dell’uccisione si intravede una nuova vita, un nuovo Cinema, che lascia ben sperare per il futuro. E’ arrivato il momento di abbandonare completamente lo spettatore, di ridargli un minimo di dignità nel non dovergli a tutti i costi spiegare e illustrare trame di cause ed effetti, educandolo su cosa e come pensare. Chi non vuol capire questo film è libero di farlo mentre persino chi non lo capisce non può non rimanere affascinato da deliri visuali e musiche ipnotiche (di uno splendido Badalamenti), da scene surrealiste e atmosfere magnetiche. Quella nel Club Silencio è semplicemente magnifica, punto d’incontro tra empatia sensoriale e derisione del reale, quando l’emozione per l’ascolto di "Llorando" di Rebekah del Río si converte in incredulità di fronte ad un playback che continua a scorrere con la cantante a terra, priva di sensi…Poco dopo, quando l’illusione inizia a prendersi gioco di noi, la trama esplode nell’abisso di un cubo blu nel quale ci perdiamo. E’ qui che si raggiunge l’estasi di una narrazione libera definitivamente da consequenzialità e facili logiche, una chiave (blu) di svolta che vuole ammaliarci proponendoci l’idea di un risveglio dall’incubo che iniziamo a percepire, a temere, ma dal quale siamo attratti senza scampo. Le scene si susseguono impazzite, apparentemente sconnesse, terrificanti e persecutorie, dalle quali l’unica via d’uscita sembra l’eterno sonno. Ma è solo un abbaglio, un flusso di coscienza continua a vivere su sé stesso fino all’ultima, liberatoria parola: silencio…
Premiato ex-aequo con "L'uomo che non c'era" dei fratelli Cohen al Festival di Cannes 2001.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (196 Commenti, 27% gradimento) Standby Medaglia d'Argento Sabato 15 Aprile 2017 ore 11:16
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Narcos Martedì 26 Luglio 2016 ore 15:22
voto al film:   8,5

Utente di Base (3 Commenti, 0% gradimento) Amarantolo Lunedì 14 Marzo 2016 ore 04:23
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (681 Commenti, 67% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Sabato 4 Luglio 2015 ore 09:16
voto al film:   8

Utente di Base (4 Commenti, 66% gradimento) genjiskhan Lunedì 18 Maggio 2015 ore 23:41
voto al film:   8

Utente di Base (38 Commenti, 72% gradimento) Asdrubbale Martedì 28 Aprile 2015 ore 20:47
voto al film:   9,5

Medaglia di Bronzo (54 Commenti, 72% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Martedì 3 Marzo 2015 ore 23:37
voto al film:   9

Utente di Base (6 Commenti, 100% gradimento) andre92 Venerdì 28 Novembre 2014 ore 18:08
voto al film:   9,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) CitizenKane Domenica 9 Novembre 2014 ore 22:45
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Mercoledì 5 Novembre 2014 ore 14:02
voto al film:   7


News sul film “Mulholland Drive”
Mulholland Drive Buon Compleanno MIC! Dal 25 ottobre a Milano Buon Compleanno MIC! Dal 25 ottobre a Milano  (18 Ottobre 2016)
Mulholland Drive David Lynch all'Auditorium di Roma David Lynch all'Auditorium di Roma  (28 Dicembre 2005)
Ultime Schede
Inland Empire - L'impero della mente
Mulholland Drive
Una storia vera
Strade perdute
Velluto blu
Dune
The elephant man
Eraserhead - La mente che cancella
David Lynch
La sua musica e le colonne sonore
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Mulholland Drive
Io vedo me stesso  di C. Rodley
David Lynch sound designer  di R. Sampini Mattarelli
Perdersi è meraviglioso  di D. Lynch
David Lynch e il Grande Fratello  di A. Agostinelli
David Lynch  di P. Bertetto
David Lynch. Mulholland Drive  di L. Malavasi
Interpretazione tra mondi. Il pensiero figurale di David Lynch  di P. Basso Fossali
David Lynch. Il cinema del sentire  di D. Dottorini
Tormenti ed estasi. «Strade perdute» di David Lynch  di E. Carocci
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©