Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: L'isola - Seom

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 4 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'isola - Seom
titolo originale Seom
nazione Corea del Sud
anno 2000
regia Kim Ki-duk
genere Drammatico
durata 86 min.
cast J. Suh (Hee-Jin) • K. Yoosuk (Hyun-Shik)
sceneggiatura K. Ki-duk
musiche J. Sang-yun
fotografia H. Seo-shik
montaggio K. Min-ho
media voti redazione
L'isola - Seom Trama del film
Hee-Jin di giorno vende cibo e di notte il suo corpo. Un giorno sull'isola arriva un ex-poliziotto, Hyn-Shik che ha ucciso la sua fidanzata che gli era infedele. Tormentato dai rimorsi tenta di uccidersi ma Hee-Jin prima lo salvo poi lo seduce. Per Hyun-Shik fare sesso con lei diventa una sorta di droga per lenire la sofferenza del corpo e dell'anima.

Recensione “L'isola - Seom”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
I dialoghi ridotti all’essenziale sembrano trasmettere l’idea della vacuità della parola, di contro l’immagine estetica viene portata alle estreme conseguenze, si condensa e subito dopo si fa evanescente; è immagine e metafora, e solo le scene più drammatiche e violente sembrano ricondurci alla realtà.
"L'isola" è un film enigmatico, duro come la faccia chiusa a pugno del protagonista che quasi senza mai parlare e con un limitato repertorio di espressioni dà vita ad un interpretazione di rara intensità. Un film nuovo, se non nello stile, almeno nell’universo e nell’immaginario che il giovane regista Kim Ki-duk (anche autore delle scenografie) riesce a ricreare. Un mondo unico e totalizzante, quello che viene mostrato, in cui la sopravvivenza, i bisogni umani e, soprattutto, l’amore tra un uomo e una donna, si riducono ad uno stadio embrionale e primitivo. Una metafora amara della solitudine dell’uomo contemporaneo al quale sembrano non bastare i mezzi di comunicazione per esprimere quel desiderio di amore che risulta, in ultimo, essere forse un disperato tentativo di rifugio.
Se la narrazione a un certo punto si fa un pò confusa, la forza delle immagini è più eloquente che mai, giocata tutta sul confine labile tra la morte (il fondo dell’acqua), e un vivere che è più un sopravvivere, un galleggiare (la superficie). E quelle inquadrature poste proprio là, con una trovata efficace, a metà dei due mondi, sembrano metterci in guardia e in attesa di un possibile galleggiamento o di un più probabile sprofondamento.
La fine, non solo quella della finzione cinematografica, giunge attesa e invocata per ritrovare un senso, un appiglio… in realtà è la distruzione stessa delle nostre certezze.
In concorso per il Leone d’oro al festival di Venezia (2000).
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 76% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Sabato 25 Marzo 2017 ore 01:05
voto al film:   8

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Venerdì 14 Agosto 2015 ore 10:22
voto al film:   8

Medaglia d'Argento (113 Commenti, 59% gradimento) kikujiro Medaglia d'Argento Mercoledì 5 Settembre 2012 ore 17:44
voto al film:   7,5

Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 30% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Domenica 23 Ottobre 2011 ore 14:54
voto al film:   8

Ultime Schede
One on one
Moebius
Pietà
Il soffio
Time
L'arco
La Samaritana
Ferro 3 - La casa vuota
Primavera, Estate, Autunno, Inverno...e ancora Primavera
Bad Guy
Indirizzo sconosciuto
L'isola - Seom
Kim Ki-duk
Lo sguardo non è mai dottrina
Kim Ki-duk
Leggi l'intervista a Kim Ki-duk per “L'arco
Kim Ki-duk  di A. Bellavita
Kim Ki-duk  di D. Morello
Kim Ki-duk  di V. Renzi
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©