Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Recensione: L'isola - Seom

Scrivi un Commento COMMENTA Vota il film 4 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
L'isola - Seom
titolo originale Seom
nazione Corea del Sud
anno 2000
regia Kim Ki-duk
genere Drammatico
durata 86 min.
cast J. Suh (Hee-Jin) • K. Yoosuk (Hyun-Shik)
sceneggiatura K. Ki-duk
musiche J. Sang-yun
fotografia H. Seo-shik
montaggio K. Min-ho
media voti redazione
L'isola - Seom Trama del film
Hee-Jin di giorno vende cibo e di notte il suo corpo. Un giorno sull'isola arriva un ex-poliziotto, Hyn-Shik che ha ucciso la sua fidanzata che gli era infedele. Tormentato dai rimorsi tenta di uccidersi ma Hee-Jin prima lo salvo poi lo seduce. Per Hyun-Shik fare sesso con lei diventa una sorta di droga per lenire la sofferenza del corpo e dell'anima.

Recensione “L'isola - Seom”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8)
I dialoghi ridotti all’essenziale sembrano trasmettere l’idea della vacuità della parola, di contro l’immagine estetica viene portata alle estreme conseguenze, si condensa e subito dopo si fa evanescente; è immagine e metafora, e solo le scene più drammatiche e violente sembrano ricondurci alla realtà.
"L'isola" è un film enigmatico, duro come la faccia chiusa a pugno del protagonista che quasi senza mai parlare e con un limitato repertorio di espressioni dà vita ad un interpretazione di rara intensità. Un film nuovo, se non nello stile, almeno nell’universo e nell’immaginario che il giovane regista Kim Ki-duk (anche autore delle scenografie) riesce a ricreare. Un mondo unico e totalizzante, quello che viene mostrato, in cui la sopravvivenza, i bisogni umani e, soprattutto, l’amore tra un uomo e una donna, si riducono ad uno stadio embrionale e primitivo. Una metafora amara della solitudine dell’uomo contemporaneo al quale sembrano non bastare i mezzi di comunicazione per esprimere quel desiderio di amore che risulta, in ultimo, essere forse un disperato tentativo di rifugio.
Se la narrazione a un certo punto si fa un pò confusa, la forza delle immagini è più eloquente che mai, giocata tutta sul confine labile tra la morte (il fondo dell’acqua), e un vivere che è più un sopravvivere, un galleggiare (la superficie). E quelle inquadrature poste proprio là, con una trovata efficace, a metà dei due mondi, sembrano metterci in guardia e in attesa di un possibile galleggiamento o di un più probabile sprofondamento.
La fine, non solo quella della finzione cinematografica, giunge attesa e invocata per ritrovare un senso, un appiglio… in realtà è la distruzione stessa delle nostre certezze.
In concorso per il Leone d’oro al festival di Venezia (2000).
Commenti del pubblico







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (72 Commenti, 75% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Sabato 25 Marzo 2017 ore 01:05
voto al film:   8

Utente di Base (12 Commenti, 10% gradimento) marcopecs Venerdì 14 Agosto 2015 ore 10:22
voto al film:   8

Medaglia d'Argento (113 Commenti, 59% gradimento) kikujiro Medaglia d'Argento Mercoledì 5 Settembre 2012 ore 17:44
voto al film:   7,5

Medaglia di Bronzo (76 Commenti, 30% gradimento) Pierrot Medaglia di Bronzo Domenica 23 Ottobre 2011 ore 14:54
voto al film:   8

Ultime Schede
One on one
Moebius
Pietà
Il soffio
Time
L'arco
La Samaritana
Ferro 3 - La casa vuota
Primavera, Estate, Autunno, Inverno...e ancora Primavera
Bad Guy
Indirizzo sconosciuto
L'isola - Seom

Leggi l'intervista a per “
Kim Ki-duk  di A. Bellavita
Kim Ki-duk  di D. Morello
Kim Ki-duk  di V. Renzi
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©