Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: La ballata di Stroszek

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 9 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
La ballata di Stroszek
titolo originale Stroszek
nazione Germania
anno 1977
regia Werner Herzog
genere Drammatico
durata 108 min.
cast B. S. (Bruno Stroszek) • E. Mattes (Eva) • C. Scheitz (signor Scheitz)
sceneggiatura W. Herzog
musiche C. AtkinsT. PaxtonS. Terry
fotografia E. LachmanT. Mauch
montaggio B. Manika Jellinghaus
media voti redazione
La ballata di Stroszek Trama del film
Dopo due anni e mezzo di prigione Bruno Stroszek, ungherese trapiantato a Berlino, ritrova la libertà. Non ha un lavoro, i suoi migliori amici sono due pianoforti e una fisarmonica, che suona nei cortili per sopravvivere, eppure sembra felice; offre il suo tetto ad Eva, una prostituta maltrattata dai suoi protettori, e ne asseconda la decisione di seguire in America un anziano vicino di casa nella speranza d’una vita migliore. Le cose sembrano girare per il verso giusto, ma è solo un momento: i problemi ritornano, ed Eva rinizia a prostituirsi, quindi se ne va. Bruno e Scheitz, il vicino di casa, tentano una rapina: va meglio al vecchio, che viene arrestato; senza una meta, senza Eva, senza una casa, senza un futuro, Bruno si spara.

Recensione “La ballata di Stroszek”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 9,5)
Asciutto, lucido, disincantato: qualsiasi aggettivo si volesse trovare per questo film contrasterebbe con le sensazioni dello spettatore, coinvolto dalla straziante vicenda umana, commosso dall’impotenza con la quale Stroszek assiste alla propria distruzione psicologica, angosciato nel vedere il destino compiersi inesorabilmente vanificando ogni sforzo e dilaniando ogni brandello di sogno rimasto. La sofferenza che si prova è appunto generata dal contrasto tra la forte drammaticità di questo destino ed il modo con cui Herzog sceglie di presentarcelo: come se fosse naturale, accettabile, non degno di scatenare tempeste di sentimenti in chi v’assista, alcuna reazione in chi lo subisca. Berlino, primo dei due sfondi della vicenda, è grigia come il suo cielo, l’espressione della gente per la strada è di identica impassibilità, senza alcuna vitalità, al contrario di Bruno che, pur nelle difficoltà in cui si trova, riesce sempre a dedicare un pensiero di possibile ottimismo e uno sguardo bonario a tutto ciò che accade. Herzog è un maestro nel sottrarsi ad ogni giudizio, lasciando lo spettatore da solo di fronte all’oggettività dei fatti: mai un primo piano stretto a cogliere la sofferenza sul volto dei personaggi, mai un indugio nello staccare da una scena pregna di drammaicità ad una di raccordo; narratore asettico, si mostra solamente in momenti di stasi della vicenda, quali la ripresa del laghetto ghiacciato geometricamente scandita terreno-lago-terreno-alberi-cielo, o dopo il suicidio, quando ritarda la fine soffermandosi a lungo sulla giostra messa in moto da Stroszek.
Al cambio di scena corrisponde, ovviamente, un mutamento nel carattere dei personaggi: la campagna desertica del Wisconsin è meno accattivante della grigia Berlino, non hanno modo di non pensare al tracollo delle proprie speranze. Scheitz e la ragione prendono due strade separate, e così Bruno ed Eva: entrambi perennemente sconfitti dalla vita, eppure incapaci di sostenersi a vicenda, di parlare lo stesso linguaggio; l’uno dalla sofferenza ha acquisito rassegnazione, l’altra prepotenza ed incostanza - il bisogno di Eva d’una stanza tutta per sé schiaccia il bisogno d’amore di Bruno, e con esso il suo ottimismo, la sua speranza.
La parte finale del film è dilaniante: la musichetta allegra che aveva accompagnato l’arrivo della casa prefabbricata è lo stesso sottofondo mentre viene portata via, l’incapacità di vivere si trascina nell’incapacità di fare anche una rapina. L’apparente impassibilità di Bruno lascia lo spettatore stupito da uno sparo scritto fin dall’inizio; l’ultima scena è una macchina che gira vuota in un piazzale e s’incendia, un grottesco parco giochi-teatrino nel quale degli animali ammaestrati suonano mini-strumenti, come Stroszek a Berlino, senza pubblico alcuno, la funivia azionata inutilmente, le sirene della polizia e la solita musichetta da luna-park, mentre il musico fallito abbandona la propria vita, ciò che solo in quel momento s’è reso conto essere stata l’unica cosa che abbia mai avuto senza mai riuscire a disporne.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Lunedì 7 Marzo 2016 ore 13:06
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (51 Commenti, 80% gradimento) barney Medaglia di Bronzo Giovedì 3 Dicembre 2015 ore 10:50
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Mercoledì 4 Novembre 2015 ore 16:34
voto al film:   9

Utente di Base (12 Commenti, 50% gradimento) Tesla Lunedì 27 Aprile 2015 ore 15:03
voto al film:   8,5

Utente di Base (11 Commenti, 62% gradimento) Overman1844 Venerdì 21 Febbraio 2014 ore 00:07
voto al film:   9

Utente di Base (43 Commenti, 63% gradimento) Monta17 Giovedì 29 Settembre 2011 ore 01:48
voto al film:   9

Utente di Base (1 Commento, 100% gradimento) cinephile Sabato 25 Giugno 2011 ore 00:20
4
voto al film:   8,5

Quanti Stroszek ho incrociato nella mia vita e quante volte ho ascoltato le loro storie cosi drammatiche di lotta per sopravvivere pregne di solitudine e marginalità. La ballata di Stroszek da evidenza di una umanità omologata dove non ci sono possibilità alcune per il diverso determinandone il completo annientamento.
Un film che colpisce perchè fa riflettere su i nostri singoli comportamenti che cotribuiscono a creare queste spaventose solitudini. Ho visto più volte questo film e sono rimasto rapito dalla poesia delle immagini del GRANDE REGISTA che ispirano grande pietà e tenerezza verso Bruno così stoicamente avviato al suo triste destino ma dotato anche di venature ottimistiche in un improbabile cambiamento.Il mio voto potrebbe anche essere più alto ma secondo me un film va giudicato tenendo conto di tanti aspetti e non solo dal coinvolgimento emotivo.
Buona visione a tutti!!
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (1 Commento, 100% gradimento) pippodt Venerdì 10 Giugno 2011 ore 18:40
voto al film:   9

Utente di Base (39 Commenti, 54% gradimento) bartman Sabato 21 Maggio 2011 ore 01:16
voto al film:   8

Utente di Base (46 Commenti, 50% gradimento) quagmire7 Venerdì 13 Maggio 2011 ore 03:58
1 5
ecco questo davvero non lo capisco cioè il 9 non lo capisco, visto e due volte poi, però non ho colto tutto quello che sopra è elencato cioè non saprei neanche dargli un voto per me herzog è una bella incognita.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “La ballata di Stroszek”
La ballata di Stroszek Il cinema di Herzog alla Cineteca di Bologna Il cinema di Herzog alla Cineteca di Bologna  (12 Novembre 2012)
La ballata di Stroszek Mestre, al Candiani i film di Werner Herzog Mestre, al Candiani i film di Werner Herzog  (31 Marzo 2007)
Ultime Schede
Into the Inferno
Queen of the Desert
Cave of Forgotten Dreams
My Son, My Son, What Have Ye Done?
Il cattivo tenente - Ultima chiamata New Orleans
Grizzly man
L'ignoto spazio profondo
Il Diamante Bianco
Invincibile
Woyzeck
La ballata di Stroszek
L'enigma di Kaspar Hauser
Werner Herzog
Il cameraman e il testo poetico
Incontri alla fine del mondo  di W. Herzog
Nuovo cinema tedesco  di A. Izzi, G. Spagnoletti
Dal Tibet a Hollywood. Bertolucci, Scorsere e Herzog: tre sguardi occidentali sul buddhismo  di A. Izzi
Segni di vita. Werner Herzog e il cinema  di G. Paganelli
Werner Herzog. La conquista dell'inutile  di W. Herzog
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©