Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Dogville

Leggi i commenti 19 COMMENTI Vota il film 52 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Dogville
titolo originale Dogville
nazione Danimarca / Svezia / Francia / Norvegia
anno 2003
regia Lars von Trier
genere Drammatico
durata 135 min.
cast N. Kidman (Grace) • P. Bettany (Tom Edison) • S. Skarsgård (Chuck) • P. Baker Hall (Tom Edison sr) • B. Gazzara (Jack McKay) • L. Bacall (Ma Ginger) • H. Andersson (Gloria) • C. Sevigny (Liz Henson) • J. Davies (Bill Henson) • S. Fallon (Martha) • J. Caan (The Big Man) • J. Hurt (Narratore)
sceneggiatura L. von Trier
fotografia A. Mantle
montaggio M. Stensgard
media voti redazione
Dogville Trama del film
1930: a Dogville, uno sperduto villaggio delle Montagne Rocciose, arriva la bella Grace. Sulle sue tracce ci sono due spietati killer: grazie all'intercessione di Tom, portavoce della comunità, Grace ottiene ospitalità e protezione a patto che sia disposta a lavorare per il bene comune. Quando gli abitanti di Dogville scoprono che la donna è ricercata, avanzano nei suoi confronti sempre maggiori pretese. Ma lei nasconde un segreto che li farà pentire amaramente.

Recensione “Dogville”

a cura di Vaniel Maestosi  (voto: 9)
E’ difficile, quasi impossibile giudicare un film come Dogville, il cui solo nome provoca già sensazioni contrastanti, ansie, timori.
Ma è difficile giudicare l’intera opera di Lars Von Trier (“Dancer in the Dark”, “Idioti”, “Le onde del destino” etc.), con il regista danese entriamo nel regno dell’estremo dove personaggi e spettatori sono vittime create appositamente per torturare ed essere torturate, in una visione spietata, cinica, paralizzante della nostra società.
Egli è profondamente geniale proprio quando diventa profondamente crudele, la sua rabbia, il suo nichilismo provocatorio danno fastidio, imprimono ai film un passo asfissiante ma nello stesso momento creano un’armonia filmica perfetta, la diabolica fusione tra grande Cinema e individualismo sfrenato.
Brechtianamente diviso in nove capitoli e un prologo, il film è come un romanzo raccontato dalla voce di un narratore onnisciente. Forse sono gli strumenti linguistici di un nuovo corso, che il regista chiama 'cinema fusionale' (cinema+teatro+letteratura), perfettamente funzionali alla realizzazione di un'atroce, magnifica parabola sui rapporti sociali. Cinema-Teatro epico, come ribadisce il cartello dell'ultimo capitolo: “Qui finisce il film”.
Dogville è una piccola cittadina americana degli anni ’30, dunque in piena Depressione, ai piedi delle Montagne Rocciose. L’unica curiosità è che in realtà non esiste, è solo una città disegnata sul palco di un teatro, che dall’alto (come ci viene proposta nella prima inquadratura del film) sembra una lavagna nera, in cui vediamo solo la sua mappa fatta di contorni disegnati con il gesso, di vie il cui nome è inciso per terra, le porte e le pareti sono solo immaginate (possiamo sentire i cigolii), un luogo dove tempo e spazio si annullano reciprocamente.
Una vera e propria rappresentazione teatrale dove gli attori si muovono naturalmente in cerca di un’argomentazione plausibile, di un senso da dare a se stessi e conseguentemente alla trama del film.
La storia inizialmente non ha luce, spiragli, non esistono vie d’uscita ne vie “d’entrata”, i pochissimi abitanti di Dogville sopravvivono ai loro pensieri, alle loro abitudini, s’impostano quotidianamente per dominare il proprio spazio che in fondo non esiste.
Poi improvvisamente l’avvenimento che accende il film o perlomeno fa vibrare le pareti inesistenti; sulla scena, dal nulla, appare la splendida, dolce e indifesa Grace inseguita dai gangster, s’imbatte in Tom, giovane filosofo alla ricerca del pensiero e portavoce spirituale di Dogville, che la accoglie e la protegge. In cambio dovrà solo aiutare i lavori della comunità.
Da qui in poi qualunque film avrebbe corso il rischio di sprofondare nel banale o nell’ inconsistente ma non un film di Von Trier che invece s’addentra perfettamente nel delirio; e proprio questa è la caratteristica delle visioni di Lars: dove sembra non esserci più dramma e storia lui reinventa, ricostruisce, riavvolge il gomitolo per liberarlo intricato d’idee.
Grace è tutti noi...con lei si apre Dogville, i suoi occhi sono i nostri, con lei noi vogliamo scoprire quello spazio, quel paese buio, stretto eppure così colmo di mistero.
La fiducia cieca di Grace è la nostra, cominciamo da spettatori a giudicare i personaggi, li scopriamo lentamente affezionandoci o odiandoli, Grace è il faro che illumina Dogville tutto il resto è pura indifferenza, la stessa che porta poco a poco tutti i buoni samaritani al delirio e alla cattiveria.
Dopo un breve periodo sereno, improvvisamente tutto cambia e Grace da ospite diviene vittima di ogni abuso possibile, di ogni sospetto, viene continuamente stuprata e oppressa secondo la logica del profitto che sembra essere l’unica distorta divinità di Dogville.
L’indifferenza è l’arma preferita del regista danese, tutto questo dolore non ci tocca ed anzi ci stimola, siamo Grace ma non ci sentiamo vicini a lei, non abbiamo spazio ma tentiamo continuamente di cercarne un altro, visivo.
La parabola del sociale si perde nella logica di Trier e proprio in nome di tale logica gli abitanti del villaggio saranno puniti in maniera tremenda, quando la pura fanciulla deciderà di assumere il proprio ruolo sociale, passando dalle catene alla gola (Dogville-città dei cani) simbolo di totale repressione, al potere di eliminare le cose ritenute inutili, ovvero l’intera popolazione di Dogville; come se questo luogo fosse un Purgatorio incosciente dove la salvezza non è il Paradiso ma l’Inferno.
Grace si rivela facendo affiorare per gradi tutta la sua ferocia: senza alcuna fretta si libera di Noi, della paura, delle convenzioni, di “Dogville”, del film stesso, per donarsi completamente ed esclusivamente al suo demoniaco creatore…Lars Von Trier.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) domimp Lunedì 19 Giugno 2017 ore 21:57
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) giulia Domenica 12 Febbraio 2017 ore 17:29
voto al film:   8

Utente di Base (42 Commenti, 74% gradimento) Asdrubbale Martedì 28 Aprile 2015 ore 20:28
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Martedì 14 Aprile 2015 ore 09:08
voto al film:   8,5

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 76% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Martedì 3 Marzo 2015 ore 23:55
voto al film:   9,5

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Lunedì 16 Febbraio 2015 ore 16:10
3
voto al film:   9

Spietato affresco della natura umana, quando una persona acquisisce e diviene consapevole del potere che ha su di un'altra. Ambientato in un "non luogo" che è simbolo di ogni altro, Dogville è ancora il capolavoro di Lars Von Trier. È interpretato da una magnifica Nicole Kidman, nel ruolo della protagonista prima accolta e poi sempre più abusata dagli abitanti di Dogville, quanto più diviene da loro dipendente. Le umiliazioni, gli stupri e la progressiva perdita di umanità diventeranno così opprimenti che la conclusione, atroce, verrà vissuta come una liberazione necessaria per tutto quel che è successo.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (5 Commenti, 40% gradimento) Rosy Domenica 15 Febbraio 2015 ore 20:53
voto al film:   8

Utente di Base (11 Commenti, 70% gradimento) silvia-v Domenica 3 Agosto 2014 ore 21:23
voto al film:   9,5

Utente di Base (30 Commenti, 60% gradimento) simonani Martedì 29 Luglio 2014 ore 19:19
voto al film:   9

Medaglia d'Argento (176 Commenti, 53% gradimento) nylon Medaglia d'Argento Sabato 31 Maggio 2014 ore 00:43
3 5
voto al film:   9

...suo potere divino sui suoi persecutori. Un Vangelo negativo, rovesciamento della prospettiva cristiana, negazione dei suoi fondamenti: questo è decisamente il più eversivo tra i film di Von Trier (regista che già di per sè scavalla spesso nell'eccesso anarcoide e amorale, in senso nietzschiano), e per questo il più bello, con picchi filosofici e cinematografici che il regista danese non ha mai più toccato
Ti è piaciuto il commento?  

News sul film “Dogville”
Dogville Dieci film di Von Trier al MIC Dieci film di Von Trier al MIC  ( 2 Dicembre 2014)
Dogville Remake di Taxi driver per Scorsese-De Niro Remake di "Taxi driver" per Scorsese-De Niro  (19 Febbraio 2010)
Dogville L'anticristo di Lars von Trier L'anticristo di Lars von Trier  (14 Febbraio 2007)
Ultime Schede
Nymphomaniac - Volume 2
Nymphomaniac - Volume 1
Melancholia
Antichrist
Il grande capo
Manderlay
Dogville
Le cinque variazioni
Dancer in the dark
Idioti
Le onde del destino
Lars von Trier
La lunga discesa verso il nulla
Lars Von Trier
Leggi l'intervista a Lars Von Trier per “Manderlay
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Dogville
Dancer in the dark  di L. von Trier
Il cinema come Dogma. Conversazioni con Stig Bjorkman  di S. Bjorkman, L. von Trier
Dogville. Della mancata rendenzione  di A. Alfieri
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©