Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Deserto Rosso

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 3 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Deserto Rosso
titolo originale Deserto Rosso
nazione Italia / Francia
anno 1964
regia Michelangelo Antonioni
genere Drammatico
durata 116 min.
cast M. Vitti (Giuliana) • R. Harris (Corrado Zeller) • C. Chionetti (Ugo) • X. Valderi (Linda) • R. Renoir (Millie)
sceneggiatura M. AntonioniT. Guerra
musiche V. GelmettiG. Fusco
fotografia C. Di Palma
montaggio E. Da Roma
media voti redazione
Deserto Rosso Trama del film
Un incidente d'auto provoca in Giuliana uno choc che, aggravato dall'ambiente particolare in cui la professione del marito (ingegnere elettronico) la costringe a vivere, si tramuta in uno stato di continua nevrosi depressiva. Corrado, un amico del marito, si sente attratto verso la donna e tenta di aiutarla ad uscire dalla sua solitudine piena di incubi, intrecciando con lei una fuggevole ed amara relazione. Tale esperienza non fa che aggravare lo stato depressivo della donna che si vede inconsapevolmente ingannata anche dal suo figlioletto, il quale finge d'essere colpito da una grave malattia. Fallito il tentativo di porre fine violentemente alla propria esistenza senza scopo, Giuliana continuerà la sua vita in precario equilibrio tra rassegnazione e pazzia.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (18 Commenti, 27% gradimento) lorenzopiero Lunedì 16 Settembre 2013 ore 16:06
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (682 Commenti, 68% gradimento) ale84 Medaglia d'Oro Sabato 13 Agosto 2011 ore 10:25
1
voto al film:   8

Nel primo film a colori di Antonioni quasi ogni fotogramma è un'opera d'arte, e la ricerca cromatica risulta a dir poco perfetta. Giuliana, ennesima incarnazione della donna sensibile e nevrotica intrappolata dalla realtà, è incarnata da una Monica Vitti in stato di grazia. Solitudine, incomunicabilità, impossibilità di fuga e di salvezza, vita come malattia: tutti i grandi temi del regista sono presenti in questo film, che si apre e si chiude sui fumi inquinanti delle raffinerie di Ravenna, che hanno avvelenato tutta la vita, e non solo l'aria. Morale: si può accettare che quello che ci capita sia tutta la nostra vita?
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Martedì 24 Maggio 2011 ore 21:33
3 2
voto al film:   8,5

Ma quanto è bella Monica Vitti in questo film.
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “Deserto Rosso”
Deserto Rosso Da Marzo a Ferrara mostra su Antonioni Da Marzo a Ferrara mostra su Antonioni  (30 Gennaio 2013)
Deserto Rosso Omaggio a Carlo Di Palma al Cinema Trevi Omaggio a Carlo Di Palma al Cinema Trevi  (12 Febbraio 2010)
Deserto Rosso Addio a Michelangelo Antonioni Addio a Michelangelo Antonioni  ( 2 Agosto 2007)
Deserto Rosso Note sullo schermo: rassegna tra cinema e musica "Note sullo schermo": rassegna tra cinema e musica  (20 Febbraio 2007)
Ultime Schede
Eros
Professione: reporter
Zabriskie Point
Blow-Up
Deserto Rosso
L'eclisse
La notte
L'avventura
Il grido
Cronaca di un amore
Michelangelo Antonioni
Il cinema piange l'ultimo grande maestro
Michelangelo Antonioni  di A. Boschi, F. Di Chiara
Antonioni e la musica  di R. Calabretto
Cosa devo guardare  di M. De Bonis
Le arti figurative nel cinema di Michelangelo Antonioni. Un percorso tra Rinascimento ferrarese, metafisica e informale  di G. Macorini
Michelangelo Antonioni. L'avventura  di F. Vitella
Michelangelo Antonioni. Lo sguardo estatico  di V. Giacci
Michelangelo Antonioni  di G. Tinazzi
Michelangelo Antonioni - Sul cinema  di M. Antonioni
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©