Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Le vite degli altri

Leggi i commenti 5 COMMENTI Vota il film 36 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Le vite degli altri
titolo originale Das Leben der Anderen
nazione Germania
anno 2006
regia Florian Henckel von Donnersmarck
genere Drammatico
durata 137 min.
cast M. Gedeck (Christa-Maria Sieland) • U. Mühe (Gerd Wiesler) • S. Koch (Georg Dreyman) • A. Grubitz (Ulrich Tukur) • T. Thieme (Ministro Bruno Hempf) • L. Blochberger (Benedikt Lehmann) • H. Bauer (Paul Hauser)
sceneggiatura F. Henckel von Donnersmarck
musiche S. MouchaG. Yared
fotografia H. Bogdanski
montaggio P. Rommel
uscita nelle sale 6 Aprile 2007
media voti redazione
Le vite degli altri Trama del film
Nei primi anni Ottanta, il drammaturgo di successo Georg Dreyman e la sua compagna di sempre, la famosa attrice Christa-Maria Sieland, si trasferiscono a Berlino Est. I due sono considerati dalla DDR tra i più importanti intellettuali del regime comunista e sono tenuti in grande considerazione, malgrado in cuor loro Georg e Christa-Maria non siano sempre allineati con la linea del partito. Un giorno il ministro della cultura assiste ad uno spettacolo dell'attrice e se ne innamora. Chiede allora a Gerd Wiesler, uno dei più valorosi agenti della Stasi, di avvicinare la coppia, conoscerla meglio, ed osservare ogni loro spostamento e interesse. Sarà la vita di Gerd ad essere cambiata dal rapporto con lo scrittore.

Recensione “Le vite degli altri”

a cura di Francesco Olivo  (voto: 8)
Le vite degli altri nella Germania dell’Est erano al centro di controlli ossessivi. La paura che i cittadini potessero tramare contro il regime rendeva la Ddr uno Stato dominato dalla polizia politica, la famigerata Stasi. Il film dell’esordiente Florian Henckel Von Donnersmarck racconta con schiettezza e semplicità l’atmosfera di Berlino Est, attraverso le vicende del capitano Gerd Wiesler (Ulrich Muhe, Amen) solerte agente della Stasi e maestro di interrogatori disumani, a cui viene assegnato il compito di spiare lo scrittore Georg Dreymann (Sebastian Koch, “Black book”), autore fedele alla causa sul quale però il ministro della cultura nutre qualche sospetto. Grazie a delle microspie istallate nella casa dell’artista e della sua compagna, l’attrice Chiesta-Maria (Martina Gedeck, Ricette d’amore, “Le particelle elementari”), Gerd ascolta per giorni tutto quello che avviene nell’abitazione e mette tutto a verbale. Dalle intercettazioni, però, non emerge nulla di compromettente per lo scrittore. Poi il suicidio di un amico di Dreymann, un regista teatrale emarginato dal regime, fa scattare la molla. La sua coscienza, dopo anni di compromessi si ribella. Ma la vera sorpresa è che qualcosa si agita anche nell’animo del capitano Gerd, che, a forza di origliare la vita della coppia, inizia a dubitare dei dogmi ideologici fino allora professati.
L’aspetto più interessante del film è proprio il lento mutamento della spia, che avviene senza eventi particolarmente clamorosi o colpi di scena, ma attraverso una serie di dettagli impercettibili se presi singolarmente. Anche la sua espressione rimane imperturbabile come sempre (ricordando da vicino il Toni Servillo de “Le conseguenze dell’amore”). Le vite degli altri, infatti, sono meno interessanti di quanto si creda: lo scrittore nel privato si mostra pavido e insicuro, la sua compagna lo ama, ma poi cede alle pressioni del potere. Insomma sono una coppia normalissima, che non merita gli interrogatori tortura praticati ai sospettati di dissidenza. E a capirlo è proprio l’inquisitore più severo.
La ricostruzione della vita nella Germania dell’Est è molto interessante e misurata, Von Donnersmarck sceglie ambienti semplici con estrema cura, anche nella scelta dei colori (dominano il verde e l’arancione). La storia è straordinaria e raccontata con grande naturalezza ed eleganza. Ne esce un film bellissimo, teso ed emozionante, che procede senza perdere un colpo. Il Premio Oscar come miglior film straniero è assolutamente meritato.
Il rigore interpretativo del protagonista ha una spiegazione anche nella sua vicenda personale: Ulrich Muhe, infatti, ha avuto una moglie confidente della Stasi e nella sua compagnia teatrale dell’epoca ben quattro attori erano stati messi lì dal regime apposta per spiarlo.
Anche Sidney Pollack è rimasto colpito dal film e ha acquistato i diritti per girare un remake, ambientato probabilmente negli Stati Uniti del Patriot Act.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (196 Commenti, 27% gradimento) Standby Medaglia d'Argento Giovedì 8 Settembre 2016 ore 16:20
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (127 Commenti, 70% gradimento) AlbRag Medaglia d'Argento Giovedì 24 Dicembre 2015 ore 12:20
3
voto al film:   7

Premio Oscar meritato, protagonista azzeccato e storia che - nonostante la presenza di troppi comprimari e attori non all'altezza - regge con il giusto ritmo fino alla conclusione.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (13 Commenti, 58% gradimento) Palopa Giovedì 8 Gennaio 2015 ore 10:43
voto al film:   8

Utente di Base (30 Commenti, 60% gradimento) simonani Martedì 21 Ottobre 2014 ore 19:54
2
voto al film:   8

Originale, vero, commovente, toccante. Film completo sotto ogni punto di vista, Oscar 2007 come miglior film straniero meritato e stra-meritato.
Personalmente, non riesco ancora a capire come Von Donnersmarck, dopo aver scritto e diretto questa grande opera prima, sia riuscito a partorire, una volta sbarcato ad Hollywood, l'abominio cinematografico che è il suo secondo film, "The Tourist".
Spero vivamente torni sui suoi passi ricominciando a fare grande cinema piuttosto che continuare a girare spot pubblicitari mal riusciti lunghi due ore.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (6 Commenti, 100% gradimento) andre92 Giovedì 15 Maggio 2014 ore 21:07
voto al film:   8,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Martedì 11 Febbraio 2014 ore 23:00
voto al film:   8

Utente di Base (12 Commenti, 50% gradimento) Tesla Mercoledì 29 Gennaio 2014 ore 16:00
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (279 Commenti, 48% gradimento) Diegen78 Medaglia d'Oro Sabato 30 Novembre 2013 ore 00:16
voto al film:   7,5

Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Lunedì 17 Giugno 2013 ore 12:49
voto al film:   9

Medaglia d'Argento (172 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Mercoledì 12 Giugno 2013 ore 21:11
voto al film:   7,5

News sul film “Le vite degli altri”
Le vite degli altri Al via le riprese del nuovo film di Luchetti, tra Milano e la Camargue Al via le riprese del nuovo film di Luchetti, tra Milano e la Camargue  (17 Settembre 2012)
Le vite degli altri Udine e Gorizia ospitano il Filmforum Festival e la mostra 'Le vite degli altri' Udine e Gorizia ospitano il Filmforum Festival e la mostra 'Le vite degli altri'  ( 6 Marzo 2012)
Le vite degli altri Presentato The Tourist, a Roma arriva Depp, la Jolie fermata dalla neve Presentato "The Tourist", a Roma arriva Depp, la Jolie fermata dalla neve  (15 Dicembre 2010)
Le vite degli altri 'Pesaro Film Festival': 44a edizione 'Pesaro Film Festival': 44a edizione  ( 9 Giugno 2008)
Le vite degli altri I vincitori dei 'Gransito Movie Awards' I vincitori dei 'Gransito Movie Awards'  ( 6 Maggio 2008)
Le vite degli altri IOMA 2008: Into the wild miglior film IOMA 2008: "Into the wild" miglior film  (29 Aprile 2008)
Le vite degli altri 'Dvd Awards 2007': i vincitori 'Dvd Awards 2007': i vincitori  (28 Aprile 2008)
Le vite degli altri Italian Dvd Awards: le nomination Italian Dvd Awards: le nomination  ( 7 Aprile 2008)
Le vite degli altri Cous cous sbanca i Cesar "Cous cous" sbanca i Cesar  (23 Febbraio 2008)
Le vite degli altri Espiazione, 14 nomination agli Oscar inglesi "Espiazione", 14 nomination agli Oscar inglesi  (18 Gennaio 2008)
Le vite degli altri La 44esima Mostra di Pesaro a Venezia La 44esima Mostra di Pesaro a Venezia  ( 5 Settembre 2007)
Le vite degli altri Globi D'Oro per Bellocchio e Muti Globi D'Oro per Bellocchio e Muti  ( 4 Giugno 2007)
Le vite degli altri Nastro d'Argento europeo a Castellitto e Gedeck Nastro d'Argento europeo a Castellitto e Gedeck  (17 Maggio 2007)
Le vite degli altri Mio fratello è figlio unico conquista il Box Office "Mio fratello è figlio unico" conquista il Box Office  (23 Aprile 2007)
Le vite degli altri Box Office: Mr Bean vola al primo posto Box Office: Mr Bean vola al primo posto  (10 Aprile 2007)
Le vite degli altri Le vite degli altri: nella culla del socialismo "Le vite degli altri": nella culla del socialismo  ( 2 Aprile 2007)
Ultime Schede
Recensione Le vite degli altri Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
The Tourist
Le vite degli altri
David di Donatello 2007
Vince Tornatore
Oscar 2007
"The Departed" di Scorsese si aggiudica 4 statuette
Festival di Locarno 2006
Pardo d'Oro a "Das Fraulein" di Andrea Staka
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Le vite degli altri
Le vite degli altri  di F. Henckel von Donnersmarck
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©