Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: I giorni del cielo

Leggi i commenti 2 COMMENTI Vota il film 14 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
I giorni del cielo
titolo originale Days of Heaven
nazione U.S.A.
anno 1978
regia Terrence Malick
genere Drammatico
durata 95 min.
cast R. Gere (Bill) • B. Adams (Abby) • S. Shepard (Chuck) • L. Manz (Linda)
sceneggiatura T. Malick
musiche L. KottkeE. Morricone
fotografia
montaggio B. Weber
media voti redazione
I giorni del cielo Trama del film
Inizio '900: Bill, un operaio costretto a fuggire da Chicago per una lite con il padrone, finisce insieme alla giovane amante Abby e alla sorellina Linda in una fattoria nel Texas. Il proprietario, Chuck, si innamora della ragazza che, tra l'altro, si è fatta passare per sorella di Bill. Venuto a conoscenza della malattia incurabile di Chuck, Bill spinge Abby ad accettarne l'offerta di matrimonio.

Recensione “I giorni del cielo”

a cura di Glauco Almonte  (voto: 8,5)
Lo spazio. Lo spazio dell’uomo, della sua vita che interseca lo spazio altrui, quello delle sue decisioni, quello di chi può non decidere. La speranza che trasfigura questo spazio in lande sterminate di sole e grano, il destino che lo restringe al greto d’un fiume senza nemmeno lo spazio per soffocare.
Nei campi del Texas di inizio secolo s’intrecciano, sotto gli occhi di Linda, infinite storie più tre, tre vite che nell’incrociarsi si ostacolano, cercando spazi più ampi se ne tolgono a vicenda, si distruggono. Direttamente da un quadro di Millet, anzi, da tutti i suoi quadri, acquistano il respiro della cellulosa Billy, Chuck e Abby, ritagliandosi davanti alla realtà della macchina da presa lo spazio che l’illusione della vita sottrae loro.
Al di là del quadro, fuoriusciti dalla massa di contadini eternati nello spazio del 1914, i tre alieni assurgono a prototipi della sofferenza umana, scherzo e significato della natura.
La lieve sofferenza innata nell’essere umano, viene combattuta col solo risultato di scatenare una sofferenza più profonda, accompagnando al male della vita il male della sconfitta. Billy fa qualcosa per stare meglio, e perde nell’ordine se stesso, Abby e la vita; Chuck, in una situazione più estrema nel bene e nel male, con un cacciavite nel cuore, che altro non fa se non svitare la valvola che pompa sangue nella carcassa umana, perde tutto ciò che ha conquistato; Abby, femme fatale, spegne il fuoco della ragione in tutti e tre, oscurando il cielo dei loro giorni.
Senza mai perdersi nel corso d’una narrazione che mescola sentimenti individuali a vita colettiva, Terrence Malick affida alla voce d’una bambina il sogno d’un mondo mitico, nel quale degli eroi mortali percorrono la semidivinità della terra, dell’aria, dell’acqua, del fuoco, ed in questa sintesi elementare, tra cielo e grano, vengono schiacciati dall’ape del destino e precipitano dal cavallo alato della vita, di fronte alla Chimera della felicità, allo spazio della morte a loro concesso.
Il finale, tra Huston e Kubrick, vede l’illusoria fuga di Billy fermata dalla morte a un passo da una nuova vita: una vita destinata a non venire mai, un fallimento prefigurato dalla sua camminata, incerta, fortemente a disagio, nella ricca casa di Chuck.
Dove finisce la realtà, ed inizia la finzione, troviamo due giovani esordienti, un già bravo Richard Gere soccombente di fronte ad un meraviglioso Sam Shepard, successivamente più a suo agio come sceneggiatore che sul set.
Oscar per la fotografia, miglior regia a Cannes, senza dimenticare le musiche di Ennio Morricone.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (72 Commenti, 75% gradimento) yanquiuxo Medaglia di Bronzo Lunedì 1 Maggio 2017 ore 21:23
voto al film:   8

Utente di Base (9 Commenti, 75% gradimento) Maverick Sabato 25 Febbraio 2017 ore 15:10
voto al film:   8

Utente di Base (4 Commenti, 66% gradimento) genjiskhan Lunedì 7 Marzo 2016 ore 23:07
voto al film:   7,5

Utente di Base (5 Commenti, 40% gradimento) Rosy Mercoledì 18 Febbraio 2015 ore 18:54
voto al film:   7,5

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) charlie91 Mercoledì 5 Novembre 2014 ore 13:07
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (231 Commenti, 60% gradimento) critone Medaglia d'Oro Giovedì 16 Gennaio 2014 ore 17:12
voto al film:   8

Bello, poetico, panteista.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (21 Commenti, 50% gradimento) soldatoWitt Domenica 15 Settembre 2013 ore 10:56
voto al film:   8

Medaglia di Bronzo (77 Commenti, 64% gradimento) Hal9K Medaglia di Bronzo Sabato 19 Maggio 2012 ore 14:05
voto al film:   9

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) droogalex Giovedì 1 Dicembre 2011 ore 15:29
voto al film:   8

Utente di Base (33 Commenti, 53% gradimento) Filak Giovedì 3 Novembre 2011 ore 23:40
1 4
voto al film:   8

Poesia nell'immagine ...
Ti è piaciuto il commento?  
News sul film “I giorni del cielo”
I giorni del cielo Presentato il sesto Festival di Roma, dal 27 ottobre all'Auditorium Presentato il sesto Festival di Roma, dal 27 ottobre all'Auditorium  (14 Ottobre 2011)
I giorni del cielo A Milano rassegna su Terrence Malick A Milano rassegna su Terrence Malick  (16 Gennaio 2009)
I giorni del cielo Oscar alla carriera per Ennio Morricone Oscar alla carriera per Ennio Morricone  (14 Dicembre 2006)
Ultime Schede
Recensione I giorni del cielo Scheda: King Arthur - Il potere della spada  di G. Ritchie
Song to song
Knight of Cups
To the wonder
The Tree of Life
The New World
La sottile linea rossa
I giorni del cielo
La rabbia giovane
Terrence Malick
La filosofia come essenza della natura
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd I giorni del cielo
Il cinema di Terrence Malick  di L. Aulenti
Terrence Malick. Cinema tra classicità e modernità  di A. Fornasiero
Terrence Malick. Mitografie della modernità  di F. Cattaneo
Soldati, campi di grano e James Dean. Gli sguardi e le voci nel cinema di Terrence Malick  di G. Piumatti
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©