Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Recensione: Pulp Fiction

Leggi i commenti 16 COMMENTI Vota il film 101 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Pulp Fiction
titolo originale Pulp Fiction
nazione U.S.A.
anno 1994
regia
genere Commedia
durata 110 min.
cast (Vincent Vega) • S. Jackson (Jules) • (Mia Wallace) • H. Keitel (Mr.Wolf) • T. Roth (Pumpkin) • (Butch) • A. Plummer (Honey Bunny) • (Koons)
sceneggiatura R. Avary
musiche
fotografia A. Sekula
montaggio S. Menke
media voti redazione
Pulp Fiction Trama del film
Pumpkin e Honey Bunny decidono di rapinare la tavola calda in cui stanno mangiando. Vincent e Jules sono due gangster che devono eseguire un lavoro. Vincent è preoccupato perché deve tenere compagnia a Mia, la moglie cocainomane del suo capo. Butch, un pugile al servizio di Marsellus, non ha eseguito l'ordine del capo di perdere un incontro. Vincent e Jules sono nell'appartamento dell'inizio, hanno ucciso due balordi e tengono sotto tiro un terzo. Epilogo. L'azione torna nella tavola calda dell'inizio.

Recensione “Pulp Fiction”

a cura di Andrea Olivieri  (voto: 8,5)
Il modo di esprimersi di Quentin Tarantino, ultima ventata di genio e sregolatezza che ci giunge dalla cultura dell'immagine USA, è segnato dal "dopo".
Dopo, non solo perché si occupa di atmosfere, situazioni, personaggi della letteratura poliziesca di serie B, tutta violenza ed erotismo, in voga negli anni Trenta e Quaranta. Ma, soprattutto, "dopo" perché il vero soggetto, e tutta la costruzione si alimentano di quella che viene ormai definita "Junk culture": cultura- spazzatura, oppure universo di segni che hanno ispirato e comunque segnato un'epoca.
Junk è naturalmente il drogato; ma anche il cibo frettolosamente ingoiato degli hamburger, e tutta una cultura fatta di telefilm, videogiochi ed “innocenti” evasioni.
Tarantino trasforma in cinema quei segni epocali attraverso il filtro di altre citazioni. Quelle cinematografiche: delle quali (come i Coppola, gli Scorsese, i Bertolucci o i Godard) si è nutrito fino ad esaurimento.
Succede allora che l'ingordigia, ma anche il piacere infinito, il distacco dal quale nasce l'irresistibile (e insostituibile, poiché dissacrante) umorismo, i riferimenti ai film, agli attori, alle scenografie, come pure ai cantanti, al rock, alla gestualità, a tutto quell'universo dell'immagine che ha marcato la fine di questo secolo, gli serve, brillantemente, per completare il suo assemblaggio di miti verso qualcosa che comincia ad assomigliare ad un film.
Al resto, a dargli quella forma definitiva che merita "Pulp Fiction", per inserirlo di diritto nella nostra memoria, è la formidabile, quasi sfrontata maestria sulla quale si costruisce lo sguardo cinematografico di Tarantino.
La sceneggiatura: quella di "Le Iene", compressa, circolare, riavvolta su se stessa come nel mitico "Rashomon" era stata un primo, sorprendente gioiello.
In "Pulp Fiction", le tre storie diverse non solo si costruiscono, ma si confondono, si spiegano, si invertono temporalmente, per condurre ad incrociarsi personaggi apparentemente autonomi, destini che si spiegano a vicenda, psicologie irresistibilmente camuffate ed al tempo stesso logicamente conseguenti.
Gli inediti Travolta, L. Jackson, Keitel e Thurman, rievocano il mito, l'epoca del twist, dei padrini, delle pupe o degli eroi del Vietnam con la libertà, il distacco permesso da un umorismo che sembra ricostruirsi di sequenza in sequenza.
Rigore assoluto, e libertà quasi spudorata della costruzione: su questa formula apparentemente inconciliabile, Tarantino infittisce una rete magistrale di dialoghi.
Monologhi alla Woody Allen che smontano la violenza, smitizzano le situazioni: secondo un principio introdotto da "Le Iene", è l'imprevisto a modificare l'andamento di ogni sequenza, l'urgenza spesso banale, che obbliga l'eroe ad interrompere la Storia per andare a fare pipì.
Capace di riflessioni imposte dai piani fissi, o dai più tradizionali campo-controcampo, la travolgente messa in immagini del regista non può quindi che riferirsi a quell'universo culturale ed estetico che lo ispira.
Se Truffaut diceva che per Hitchcock descrivere l'atto di uccidere non differiva da quello di fare l'amore, per Tarantino quello di sanguinare e parlare sembra generarsi dalla stessa, inesauribile sorgente.
Palma d’Oro al Festival di Cannes 1994.
Commenti del pubblico
News sul film “Pulp Fiction”
Pulp Fiction San Marino Film Festival dal 16 al 23 novembre San Marino Film Festival dal 16 al 23 novembre  (24 Ottobre 2013)
Pulp Fiction Premio alla carriera del Festival di Roma a Tarantino Premio alla carriera del Festival di Roma a Tarantino  (29 Dicembre 2012)
Pulp Fiction IOMA, gli appassionati votano Tarantino IOMA, gli appassionati votano Tarantino  (10 Maggio 2010)
Pulp Fiction Il 18 dicembre a Roma il primo 'Tarantino Party' Il 18 dicembre a Roma il primo 'Tarantino Party'  ( 9 Dicembre 2009)
Pulp Fiction S. Lee Jackson e Tarantino di nuovo insieme S. Lee Jackson e Tarantino di nuovo insieme  ( 5 Gennaio 2009)
Pulp Fiction Entertainment Weekly: vince Pulp Fiction Entertainment Weekly: vince "Pulp Fiction"  (23 Giugno 2008)
Pulp Fiction Tarantino: lezioni di cinema a Cannes Tarantino: lezioni di cinema a Cannes  (11 Aprile 2008)
Pulp Fiction Return to Castle Wolfenstein per Roger Avary "Return to Castle Wolfenstein" per Roger Avary  ( 7 Novembre 2007)
Pulp Fiction Bruce Willis nella 'Walk of fame' Bruce Willis nella 'Walk of fame'  (17 Ottobre 2006)
Pulp Fiction Uma Thurman, Tarantino addio Uma Thurman, Tarantino addio  ( 2 Marzo 2006)
Pulp Fiction Tarantino e Burton i cineasti del decennio 1995-2005 Tarantino e Burton i cineasti del decennio 1995-2005  (13 Gennaio 2006)
Ultime Schede
The Hateful Eight
Django Unchained
Bastardi senza gloria
Grindhouse - A prova di morte
Kill Bill - vol. 2
Kill Bill - vol. 1
Jackie Brown
Four Rooms
Pulp Fiction
Le iene
Quentin Tarantino
Mi chiamo Wolf, risolvo problemi
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Pulp Fiction (Collector's Edition - 2 Dvd)
I film di Quentin Tarantino  di
Quentin Tarantino  di S. Brancati
Tarantino vs Kitano. Registi senza gloria  di A. Cinicolo
Quentin Tarantino. Asfalto nero e acciaio rosso sangue  di S. Brancati
Quentin Tarantino  di A. Morsiani
Quentin Tarantino. La iena di Hollywood  di .
Quentin Tarantino. Pulp Fiction  di A. Morsiani
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©