Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Dvd Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Il gladiatore

Leggi i commenti 9 COMMENTI Vota il film 43 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Il gladiatore
titolo originale Gladiator
nazione U.S.A.
anno 2000
regia Ridley Scott
genere Drammatico
durata 155 min.
distribuzione United International Pictures
cast R. Crowe (Maximus) • J. Phoenix (Commodus) • C. Nielsen (Lucilla) • O. Reed (Proximo) • R. Harris (Imperatore Marcus Aurelius) • D. Jacobi (Senatore Gracco) • D. Hounsou (Juba)
sceneggiatura D. FranzoniJ. LoganW. Nicholson
musiche H. ZimmerL. Gerrard
fotografia J. Mathieson
montaggio P. Scalia
media voti redazione
Il gladiatore Trama del film
Anno 180 dopo Cristo. In terra di Germania l'esercito romano dopo una poderosa offensiva sconfigge i ribelli tedeschi e ristabilisce l'ordine. Artefice della vittoria è il generale Maximus. A lui, che molto ammira, l'imperatore Marco Aurelio confida che passerà il trono alla propria morte, scavalcando quindi Commodo, figlio inetto e ribelle ancorché legittimo erede. Venuto a sapere la notizia, Commodo attua un rapido e cruento piano: strozza il genitore, si prende il titolo e ordina l'eliminazione immediata di Maximus. Costui sfugge all'agguato e riesce, sebbene ferito, ad arrivare alle porte di Roma. Qui scopre che, per ordine dell'imperatore, i soldati gli hanno orribilmente ucciso la moglie e il figlioletto. Persi i sensi per la stanchezza e il dolore, Maximus si ritrova in Africa, al mercato degli schiavi. Messosi in evidenza per astuzia e coraggio, viene acquistato insieme ad altri da Proximus, un ex-schiavo liberato, che ora organizza gli spettacoli al Colosseo. Maximus riesce in questo modo a tornare a Roma e a preparare la vendetta...

Recensione “Il gladiatore”

a cura di Riccardo Rizzo  (voto: 6)
Un trionfante generale romano di origine ispaniche chiamato Maximus, fedele servitore di un Marco Aurelio in versione filosofo, sogna di ritornare alle sue umili origini: lasciare per sempre la spada e dedicarsi alla moglie e al figlio. Basta guerre, basta sangue, basta violenza. Purtroppo per lui, la morte dell’imperatore per mano dell’invidioso figliastro che era venuto a sapere che il trono sarebbe stato consegnato proprio nelle mani del valente guerriero artefice della vittoria sui Germani, gli cambierà tutti i piani…
Il periodo di splendore del cinema colossale panem et circenses, protagonista negli anni ’50 e ’60, dopo il suo periodo di splendore perse creatività e successo, e la produzione di questi film finì quasi per estinguersi. Ridley Scott, alla luce del nuovo millennio, ha voluto unire il suo innegabile talento alla poderosa Dreamworks per resuscitare questo genere dimenticato da molti, ma ricordato con nostalgia cinefila da molti altri. Innegabile sforzo, degno di plauso.
Il film ha buone sequenze di azione e un importante impegno interpretativo, nonostante la storia poggi sul classico, e troppo spesso abusato, desiderio di vendetta. Partendo da questo intento, e cercando di offrire un grandioso spettacolo (come tanto piace ad Hollywood), non ci riesce perché è assente proprio la grandezza, la complessità, la maestosità di Roma. La realizzazione risulta troppo “asfissiante” (nel senso che manca ampio respiro) sia nel ritrarre le scene di battaglia che nell’analisi psicologica dei personaggi, sottolineati mediante il continuo alternarsi di primi e medi piani. Mancano piani più generali, aperti, che lasciassero “respirare” Roma e la ritraessero nel suo essere splendida; dal punto di vista emotivo invece non vengono trattati a dovere corruzione dilagante, sentimenti di lealtà o ambizione, sembra che tutto sia descritto con leggerezza e superficialità. Più che altro sembra che ci si sia concentrati sulle scene dei duelli (accompagnate da una bellissima colonna sonora di Zimmer) all’insegna di un montaggio iperbolico e dello slow motion. Roma, e lo spettatore, vogliono spettacolo, e spettacolo sia!
Fortunatamente non manca anche l’aspetto tragico e poetico del film, relativo al senso della libertà e della morte (che spesso coincidono), del potere assoluto dei Cesari di Roma e del rapporto tra questi e il popolo. E’ la parte migliore di un film che, nonostante la bravura del cast, soprattutto di un grande Crowe, è ben lontano da un Spartacus o Ben Hur e “americanizza” troppo Roma e i romani.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia di Bronzo (93 Commenti, 64% gradimento) critone Medaglia di Bronzo Martedì 18 Febbraio 2014 ore 22:32
2 3
voto al film:   10

Sono Massimo Decimo Meridio. Comandante delle Legioni Felix. Generale dell'esercito del Nord. Servitore dell'Unico Imperatore Marco Aurelio. Padre di un figlio assassinato. Marito di una moglie uccisa. Ed avrò la mia vendetta ... in questa vita o nell'altra.
Ti è piaciuto il commento?  
Utente di Base (11 Commenti, 70% gradimento) alex104 Sabato 1 Febbraio 2014 ore 01:44
voto al film:   8,5

Utente di Base (2 Commenti, 100% gradimento) neida Domenica 19 Gennaio 2014 ore 17:32
voto al film:   8

Utente di Base (40 Commenti, 50% gradimento) edanbra Giovedì 2 Gennaio 2014 ore 15:32
voto al film:   8

Medaglia d'Oro (226 Commenti, 42% gradimento) Diegen78 Medaglia d'Oro Sabato 30 Novembre 2013 ore 00:32
voto al film:   5

Utente di Base (13 Commenti, 50% gradimento) Nemo Venerdì 22 Novembre 2013 ore 17:29
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) nikname Giovedì 21 Novembre 2013 ore 00:40
voto al film:   6,5

Utente di Base (8 Commenti, 0% gradimento) marcopecs Lunedì 4 Novembre 2013 ore 18:20
2
voto al film:   6

Marco Aurelio lasciò l'impero a Commodo, non a un generale qualsiasi. E alla morte di Commodo non ci fu la restaurazione della repubblica, ma il caos. L'inattendibilità storica può essere voluta, e le critiche all'inattendibilità storica, compresa la mia, possono essere inutili, eppure, se si conosce un po' di storia romana, o peggio ancora tutta la storia romana, l'unica reazione a certe scene del film, peraltro spettacolare, non può che essere una grassa risata.
Roma non era Babilonia, e la storia dell'impero è tutta scritta. Tonnellate e tonnellate di fonti...
Dire che la Tour Eiffel si trova a Firenze sarebbe lo stesso.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (405 Commenti, 64% gradimento) diego93 Medaglia d'Oro Mercoledì 18 Settembre 2013 ore 20:22
3 2
voto al film:   8

Dopo aver ridefinito la fantascienza con Alien e Blade Runner, Ridley Scott riporta in auge il genere meno esplorato negli ultimi decenni: il peplum. Ispirandosi a dipinti fiamminghi e a classici del genere (su tutti Spartacus e La tunica) e aggiungendo cospirazioni e azione, nasce uno dei film piu' rappresentativi di inizio millennio, una pietra miliare del genere storico e un must da vedere e rivedere in cui ogni particolare (dalla sceneggiatura agli effetti speciali, dalle scenografie alla musica di Zimmer) funziona alla perfezione, rendendo inutili le critiche riguardo l'attendibilita' storica. Phoenix e' un cattivo complesso e inquietante, Harris giganteggia nei pochi minuti in cui compare e Crowe da' vita a un protagonista cosi' potente e carismatico capace non solo di trascinare la platea dell'arena ma anche di commuovere e appassionare il pubblico. Pollice in su'.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia di Bronzo (60 Commenti, 63% gradimento) Gnugni Medaglia di Bronzo Martedì 11 Giugno 2013 ore 00:53
voto al film:   7

News sul film “Il gladiatore”
Il gladiatore Omaggio agli scenografi di Cinecittà al Festival di Roma Omaggio agli scenografi di Cinecittà al Festival di Roma  (14 Novembre 2012)
Il gladiatore Cofanetto dvd speciale per il 30° anniversario di Blade Runner Cofanetto dvd speciale per il 30° anniversario di Blade Runner  (29 Ottobre 2012)
Il gladiatore A Pietro Scalia il Premio alla Carriera MIFF Award 2012 A Pietro Scalia il Premio alla Carriera MIFF Award 2012  (26 Ottobre 2012)
Il gladiatore Dopo l'albero della vita, Aronofsky racconta il diluvio universale Dopo l'albero della vita, Aronofsky racconta il diluvio universale  ( 4 Ottobre 2011)
Il gladiatore Grafica digitale per il film di Heath Ledger Grafica digitale per il film di Heath Ledger  (30 Gennaio 2008)
Il gladiatore Russell Crowe e Leonardo Di Caprio vs. Al Qaeda Russell Crowe e Leonardo Di Caprio vs. Al Qaeda  ( 8 Ottobre 2007)
Il gladiatore Monopoli: il film diretto da Ridley Scott "Monopoli": il film diretto da Ridley Scott  ( 8 Agosto 2007)
Il gladiatore Russell Crowe e Di Caprio contro Al Qaeda Russell Crowe e Di Caprio contro Al Qaeda  (28 Giugno 2007)
Il gladiatore Dvd: i Pirati dominano ancora la top ten Dvd: i "Pirati" dominano ancora la top ten  (19 Febbraio 2007)
Il gladiatore Il ritorno del Gladiatore e tutti i sequel più attesi Il ritorno del Gladiatore e tutti i sequel più attesi  (20 Ottobre 2006)
Il gladiatore I progetti di Ridley Scott I progetti di Ridley Scott  (10 Ottobre 2006)
Il gladiatore Ridley Scott: nuova storia per il Gladiatore Ridley Scott: nuova storia per il Gladiatore  ( 3 Ottobre 2006)
Il gladiatore A Good Year: il trailer "A Good Year": il trailer  ( 7 Agosto 2006)
Il gladiatore Scorsese in corsa per il Festival di Roma Scorsese in corsa per il Festival di Roma  (28 Luglio 2006)
Ultime Schede
Recensione Il gladiatore Scheda: Solo gli amanti sopravvivono  di J. Jarmusch
Recensione Il gladiatore Scheda: Alabama Monroe - Una storia d'amore  di F. van Groeningen
Recensione Il gladiatore Scheda: Non dico altro  di N. Holofcener
Recensione Il gladiatore Scheda: Il venditore di medicine  di A. Morabito
Recensione Il gladiatore Scheda: Il mondo fino in fondo  di A. Lunardelli
Recensione Il gladiatore Scheda: Nymphomaniac - Volume 2  di L. von Trier
Recensione Il gladiatore Scheda: Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve  di F. Herngren
Recensione Il gladiatore Scheda: La sedia della felicità  di C. Mazzacurati
Recensione Il gladiatore Scheda: The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro  di M. Webb
Recensione Il gladiatore Scheda: Transcendence  di W. Pfister
Recensione Il gladiatore Scheda: Song 'e Napule  di A. Manetti, M. Manetti
Recensione Il gladiatore Scheda: Gigolò per caso  di J. Turturro
Recensione Il gladiatore Scheda: Onirica - Field of Dogs  di L. Majewski
Recensione Il gladiatore Scheda: Ti sposo ma non troppo  di G. Pignotta
Recensione Il gladiatore Scheda: Noah  di D. Aronofsky
The Counselor - Il Procuratore
Prometheus
Robin Hood
Nessuna verità
American Gangster
Un'ottima annata - A Good Year
Le Crociate
All the Invisible Children
Il genio della truffa
Black Hawk Down
Hannibal
Il gladiatore
Soldato Jane
L'albatross - Oltre la tempesta
1492: la conquista del Paradiso
Thelma & Louise
Black rain - Pioggia sporca
Chi protegge il testimone
Legend
Blade Runner
Alien
I duellanti
Ridley Scott
L'eterno "Duellante"
COMPRA
IL BLU-RAY
Compra il bluray Il gladiatore
Blade Runner. Storia di un mito  di P. Sammon
Flash non disponibile
Copyright 2014 ©