Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Recensione: Il vento che accarezza l'erba

Leggi i commenti 3 COMMENTI Vota il film 11 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Il vento che accarezza l'erba
titolo originale The wind that shakes the barley
nazione Gran Bretagna / Francia / Irlanda
anno 2005
regia Ken Loach
genere Drammatico
durata 124 min.
cast C. Murphy (Damien) • L. Cunningham (Dan) • P. Delaney (Teddy) • G. Kearney (Dunica) • W. Ruane (Gogan)
sceneggiatura P. Laverty
musiche G. Fenton
fotografia B. Ackroyd
montaggio J. Morris
uscita nelle sale 10 Novembre 2006
media voti redazione
Il vento che accarezza l'erba Trama del film
1919. Due fratelli, Damien e Teddy, si arruolano per combattere la guerra d'indipendenza in Irlanda. Una volta ratificato il trattato di pace con gli inglesi, i due si troveranno su posizioni opposte, tra chi lo giudica una vittoria e chi una resa.

Recensione “Il vento che accarezza l'erba”

a cura di Francesco Olivo  (voto: 8)
Ken è sempre lui, lo riconosci alla prima inquadratura, al primo dialogo. I contrasti tra nemici e poi tra fratelli sono il suo cruccio, il marchio di fabbrica, il travaglio che ti trascina fino all’ultima scena e ti costringe a rinunciare alle facili certezze.
L’ultima sua opera premiata con la Palma d’oro all’ultimo Festival di Cannes è “Il vento che accarezza l’erba” (il titolo inglese, sicuramente più suggestivo, è The wind that skaes the barley, letteralmente il vento che scuote l’orzo). Siamo nel 1920, l’Irlanda è occupata dagli inglesi. Da subito le scene sono molto dure, i soldati irregolari di Sua Maestà (oggi li chiameremmo paramilitari) compiono le peggiori razzie. Nei villaggi poveri degli irlandesi i soprusi sono quotidiani, un ragazzo viene ucciso perché si ostina a pronunciare il proprio nome in celtico anziché in inglese. Alle prime azioni di resistenza irish le rappresaglie britanniche sono spietate. A prendere in mano la situazione sono due fratelli: Damien (Cillian Murphy) giovane medico idealista che davanti alla sofferenza del proprio popolo rifiuta un posto prestigioso a Londra e Teddy (Padaric Delaney), un vero leader politico, pragmatico e ambizioso. La lotta è durissima ma vincente: gli inglesi se ne vanno e scendono a patti con gli insorti. Paradossalmente è proprio questo parziale successo a complicare le cose. Il fronte irlandese si spacca clamorosamente tra chi accetta il trattato di pace con i nemici (forte autonomia ma sempre in obbedienza alla corona britannica) e chi lo considera un tradimento delle aspirazioni nazionali. Sconfitto l’invasore, dunque, la guerra non si arresta, ora è solo più drammatica perché le divisioni lacerano l’Irlanda. Un conflitto fratricida nel vero senso della parola: i due fratelli sono su fronti opposti, Teddy con i nuovi potenti e Damien con i ribelli.
Ken Loach non compie dunque un’operazione banalmente antimperialista. Sino a quando ci sono gli inglesi occupanti non c’è dubbio da che parte sia il suo cuore. D’altronde non poteva essere altrimenti, lo sguardo è quello del popolo oppresso (interessanti anche i ritratti degli irlandesi collaborazionisti). Poi però Loach mischia le carte, non ci sono più i buoni e i cattivi, tutto è più sfumato, nessuno è innocente. E’ la violenza a guidare tutto, sia i nuovi padroni che formano un esercito regolare, sia gli oltranzisti che si danno alla macchia. E qui Loach non sceglie da che parte stare. L’idea di fondo è che il potere sia malvagio di per sé; anche se spinto dai più nobili ideali, una volta al governo Teddy non sfugge a questo destino sino a commettere le azioni più infami.
Lo schema quindi è quello di Terra e libertà, il film di Loach sulla guerra civile spagnola. Lì c’era un bene e un male finchè il nemico comune era il fascismo, poi però anarchici e stalinisti finivano per spararsi addosso prima della sconfitta definitiva. Nel caso della Spagna la colpa delle divisioni del fronte repubblicano era attribuita ai comunisti legati a Mosca. Ne “Il vento che accarezza l’erba” invece si esce con meno certezze.
Il film è bellissimo, racconta con magistrale eleganza formale anche gli aspetti più cruenti della guerra. Insomma se non siamo alla perfezione ci avviciniamo molto. Ken ci porta per mano nei villaggi irlandesi degli anni Venti, se ne sente tutta la frustrazione, la voglia di riscatto e poi l’impotenza davanti alla brutalità ottusa della violenza. Un esempio di passione e onestà intellettuale da un autore spesso criticato per le sue prese di posizioni troppo nette.
Piccola postilla: qualcuno ha contestato al film di Loach, di esaltare le azioni violente degli irlandesi, mostrando indirettamente simpatia per chi oggi utilizza queste forme per imporre le proprie rivendicazioni. In parole povere “Il vento che accarezza l’erba” sarebbe filoterrorista. Così ha scritto per esempio il quotidiano spagnolo El mundo. Niente di più falso e strumentale: il messaggio non è questo proprio perché, come detto, qui non vengono mostrati esempi di eroismo puro, non ci sono martiri e kamikaze, ma una realtà molto più complessa.
Commenti del pubblico
Nickname:
Password:
 
REGISTRATI «
PSWD DIMENTICATA «







Ultimi commenti e voti
Medaglia d'Argento (128 Commenti, 70% gradimento) AlbRag Medaglia d'Argento Sabato 9 Gennaio 2016 ore 17:55
1
voto al film:   8

Forse una delle migliori espressioni del cinema irlandese di sempre, con un Cillian Murphy sugli scudi e una regia impeccabile nel riprendere ogni aspetto quotidiano di questo dramma e tenere costante il ritmo narrativo.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (236 Commenti, 60% gradimento) critone Medaglia d'Oro Lunedì 19 Maggio 2014 ore 10:58
1
voto al film:   8

La guerra civile irrompe tra la gente comune, nella famiglie, provocando dolore e divisioni. Ne Il vento che accarezza l'erba non viene descritta la situazione dell'Ulster negli anni '70, né si parla del sistema giudiziario inglese, come nel film Nel nome del padre. Siamo negli anni '20, in piena guerra civile irlandese tra inglesi ed irlandesi prima, tra supporters di Michael Collins (e del Free State) e supporters di de Valera (e della Repubblica) poi. Tuttavia, diversamente dalla pellicola Michael Collins, ne Il vento che accarezza l'erba le questioni politiche costituiscono il background, mentre l'oggetto vero dell'intreccio sono la fame, le violenze sulla gente comune, le divisioni tra compatrioti, amici e familiari. Emblematiche sono due scene: il dialogo tra Damien e la ragazza circa le reazioni negative della madre dell'amico giustiziato; le reazioni della donna di Damien davanti al fratello dello stesso, dopo l'esecuzione per fucilazione.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Oro (280 Commenti, 48% gradimento) Diegen78 Medaglia d'Oro Sabato 12 Aprile 2014 ore 21:31
2 1
voto al film:   7,5

Insieme a Nel nome del padre, è il film più emozionante sulla "questione" irlandese. Bravissimo Cillian Murphy.
Ti è piaciuto il commento?  
Medaglia d'Argento (106 Commenti, 59% gradimento) cartillo Medaglia d'Argento Mercoledì 12 Giugno 2013 ore 13:29
voto al film:   8

Utente di Base (9 Commenti, 44% gradimento) Nenne Domenica 9 Dicembre 2012 ore 13:48
voto al film:   7

Utente di Base (7 Commenti, 33% gradimento) nefasto87 Martedì 27 Marzo 2012 ore 21:22
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (313 Commenti, 59% gradimento) Pangur Medaglia d'Oro Venerdì 2 Marzo 2012 ore 11:08
voto al film:   7

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) vincent Mercoledì 29 Febbraio 2012 ore 17:43
voto al film:   7,5

Utente di Base (40 Commenti, 27% gradimento) andrea_cavax Domenica 15 Gennaio 2012 ore 13:51
voto al film:   8

Utente di Base (43 Commenti, 63% gradimento) Monta17 Domenica 31 Luglio 2011 ore 01:32
voto al film:   8

News sul film “Il vento che accarezza l'erba”
Il vento che accarezza l'erba Incontri con Loach, Salvatores e Giallini a Roma Incontri con Loach, Salvatores e Giallini a Roma  ( 2 Dicembre 2014)
Il vento che accarezza l'erba Festival di Cannes: la Palma d'oro a Haneke, a Garrone il Grand Prix Festival di Cannes: la Palma d'oro a Haneke, a Garrone il Grand Prix  (27 Maggio 2012)
Il vento che accarezza l'erba Marzo irlandese a Roma alla libreria Altroquando Marzo irlandese a Roma alla libreria Altroquando  ( 4 Marzo 2011)
Il vento che accarezza l'erba Alphaville presenta le ultime Palme d'oro Alphaville presenta le ultime Palme d'oro  (14 Maggio 2010)
Il vento che accarezza l'erba In questo mondo libero: lo sguardo dei padroni "In questo mondo libero": lo sguardo dei padroni  (28 Settembre 2007)
Il vento che accarezza l'erba Ken Loach: Oggi si lavora contro qualcuno Ken Loach: "Oggi si lavora contro qualcuno"  ( 1 Settembre 2007)
Il vento che accarezza l'erba Umbria FilmFestival nel segno di Gilliam Umbria FilmFestival nel segno di Gilliam  ( 3 Luglio 2007)
Il vento che accarezza l'erba Umbria FilmFestival a Montone Umbria FilmFestival a Montone  (26 Giugno 2007)
Il vento che accarezza l'erba Cannes 60: un'edizione memorabile Cannes 60: un'edizione memorabile  (16 Febbraio 2007)
Il vento che accarezza l'erba Box Office: Anplagghed conquista la vetta Box Office: "Anplagghed" conquista la vetta  (27 Novembre 2006)
Il vento che accarezza l'erba Box Office: La mia super Ex-ragazza al 1° posto Box Office: "La mia super Ex-ragazza" al 1° posto  (20 Novembre 2006)
Il vento che accarezza l'erba Box Office: The Departed ancora primo Box Office: "The Departed" ancora primo  (13 Novembre 2006)
Il vento che accarezza l'erba Al cinema con Sorrentino, Ken Loach e Clint Eastwood Al cinema con Sorrentino, Ken Loach e Clint Eastwood  ( 9 Novembre 2006)
Il vento che accarezza l'erba Nuovomondo agli EFA "Nuovomondo" agli EFA  ( 6 Novembre 2006)
Il vento che accarezza l'erba Amelio e Crialese da Venezia a Toronto Amelio e Crialese da Venezia a Toronto  (23 Agosto 2006)
Il vento che accarezza l'erba Bim distribuisce in autunno Ken Loach Bim distribuisce in autunno Ken Loach  (30 Maggio 2006)
Il vento che accarezza l'erba Ken Loach, dal passato luce sul presente Ken Loach, dal passato luce sul presente  ( 9 Maggio 2006)
Ultime Schede
Io, Daniel Blake
Jimmy's Hall
The Spirit of '45
La Parte degli angeli
L'altra verità
Il mio amico Eric
In questo mondo libero
Il vento che accarezza l'erba
Tickets
Un bacio appassionato
Sweet Sixteen
Paul, Mick e gli altri
Bread and Roses
My name is Joe
La canzone di Carla
Terra e libertà
Ladybird Ladybird
Ken Loach
Piovono pietre... della rappresentazione 'simbolica'
Festival di Cannes 2006
59ª Edizione
Bene ai festival, male in sala
La vittoria di un grande festival fa incassare di più?
Ken Loach
Leggi l'intervista a Ken Loach per “Il vento che accarezza l'erba
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd Il vento che accarezza l'erba
Sfidare il racconto dei potenti  di K. Loach
Ken Loach  di L. De Giusti
Loach secondo Loach  di G. Fuller
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©