Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival Civita Cinema

Recensione: La stanza del figlio

Leggi i commenti 1 COMMENTO Vota il film 21 VOTI Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
La stanza del figlio
titolo originale La stanza del figlio
nazione Italia
anno 2000
regia Nanni Moretti
genere Drammatico
durata 99 min.
cast N. Moretti (Giovanni) • L. Morante (Paola) • J. Trinca (Irene) • G. Sanfelice (Andrea)
sceneggiatura N. MorettiL. FerriH. Schleef
musiche N. Piovani
fotografia G. Lanci
montaggio E. Calabria
media voti redazione
La stanza del figlio Trama del film
Giovanni Sermonti è uno psicoanalista che vive la sua vita fra i variopinti pazienti, lo sport e una normalissima famiglia composta dalla moglie Paola e i due figli adolescenti Andrea e Irene. La routine si spezza quando, in seguito ad un incidente in mare, il figlio muore. Padre, madre e sorella si perderanno fra dolore, freddo e solitudine per ritrovarsi e continuare inevitabilmente a vivere.

Recensione “La stanza del figlio”

a cura di Andrea Peresano  (voto: 6,5)
“La stanza del figlio” è quella stanza dove non si vuole più entrare.
Film attesissimo, soprattutto per il mistero legato a questa uscita che il regista di “Ecce Bombo” ha voluto mantenere totalmente segreta fino all’ultimo, come ha affermato, per preservare gli spettatori da una visione rovinata dalle mille chiacchiere che normalmente precedono una pellicola. E non ha tutti i torti visto che già dalla seconda visione o comunque dopo aver sentito parlare del film lo si guarda con occhio diverso fin dall’inizio.
Moretti si è impegnato totalmente alla produzione di questo film, trionfatore a Cannes, che da tempo voleva fare, impiegando ben tre anni (un tempo lunghissimo rispetto ai suoi abituali) per scrivere, girare e montare quello che è stato definito anche il film della svolta. E sicuramente il cambio nel cinema morettiano è evidente. Si abbandona il classico sarcasmo, la critica spietata della società, gli sfoghi personali e la vena politica dei vari lavori precedenti per approdare ad un’opera cinematografica di grande maturità e universalità, anche nella fotografia e nei movimenti di macchina, sullo sfondo di una Ancona appena accennata. Sì, perché Moretti questa volta centra il lavoro sul sentimento. Riesce in un’ora e mezza a condensare dolore, confusione, rabbia per il distacco e amore in maniera indiscutibile con un’opera pervasa da questi sentimenti dall’inizio alla fine.
Tutto il raccontato è reale, dalla convivenza familiare alle situazioni che ci si trova ad affrontare nei momenti della morte di una persona cara, come la straziante scena della chiusura della bara che, dopo tutto il dolore già patito, viene vissuta quasi inconsciamente.
Gli attori principali sono molto bravi e anche i vari pazienti e commessi con cui si incontra Giovanni, offrendoci una carrellata di ottimi attori italiani. Di Moretti rimane comunque il modo di recitare, o meglio di essere se stesso, anche se questa volta forse ci sarebbe potuto essere anche qualcun altro sullo schermo, a sottolineare ancora l’universalità del film, e anche perché un Moretti focoso fra le lenzuola o che piange straziato non lo riconosciamo.
Il messaggio è diretto: il dolore è qualcosa che va affrontato e accettato, senza respingerlo o ignorarlo, inevitabile per l’uomo e mai pienamente superabile, ci si abitua solo pian piano a conviverci, ma va bene così.
Commenti del pubblico







Ultimi commenti e voti
Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Marcolino93 Sabato 17 Gennaio 2015 ore 13:26
voto al film:   7

Utente di Base (30 Commenti, 60% gradimento) simonani Martedì 7 Ottobre 2014 ore 22:20
voto al film:   6,5

Medaglia d'Oro (279 Commenti, 48% gradimento) Diegen78 Medaglia d'Oro Domenica 1 Dicembre 2013 ore 11:23
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 57% gradimento) cinemabendato Medaglia d'Oro Martedì 29 Ottobre 2013 ore 22:25
voto al film:   7,5

Utente di Base (46 Commenti, 45% gradimento) doubleangel Martedì 16 Luglio 2013 ore 22:24
voto al film:   6,5

Medaglia d'Argento (171 Commenti, 75% gradimento) Bardamu1991 Medaglia d'Argento Martedì 28 Maggio 2013 ore 13:10
voto al film:   6,5

Utente di Base (9 Commenti, 44% gradimento) Nenne Sabato 29 Dicembre 2012 ore 09:47
voto al film:   7,5

Medaglia d'Oro (273 Commenti, 64% gradimento) anzianzi Medaglia d'Oro Giovedì 29 Novembre 2012 ore 18:07
voto al film:   7

Medaglia d'Oro (264 Commenti, 70% gradimento) mimma Medaglia d'Oro Lunedì 5 Novembre 2012 ore 09:57
voto al film:   8

Utente di Base (0 Commenti, 0% gradimento) Naima Domenica 21 Ottobre 2012 ore 15:05
voto al film:   6,5

News sul film “La stanza del figlio”
La stanza del figlio Sarà Nanni Moretti il presidente di Giuria al prossimo Festival di Cannes Sarà Nanni Moretti il presidente di Giuria al prossimo Festival di Cannes  (20 Gennaio 2012)
La stanza del figlio Bando per Umbria Film Festival in script Bando per "Umbria Film Festival in script"  (13 Maggio 2010)
La stanza del figlio Parte in estate il nuovo film di Nanni Moretti Parte in estate il nuovo film di Nanni Moretti  (19 Maggio 2009)
La stanza del figlio Laura Morante al festival Maremetraggio Laura Morante al festival Maremetraggio  (11 Giugno 2007)
La stanza del figlio Cannes 60: un'edizione memorabile Cannes 60: un'edizione memorabile  (16 Febbraio 2007)
La stanza del figlio Nanni Moretti: non solo Torino FilmFestival Nanni Moretti: non solo Torino FilmFestival  (28 Dicembre 2006)
Ultime Schede
Mia madre
Habemus Papam
Il caimano
La stanza del figlio
Aprile
Caro diario
Palombella rossa
La messa è finita
Bianca
Sogni d'oro
Ecce bombo
Io sono un autarchico
COMPRA
IL DVD
Compra il Dvd La stanza del figlio
Viaggio a Roma con Nanni Moretti  di P. Di Paolo, G. Biferali
Il cinema di Moretti, da Michele a Nanni (eBook)  di M. Cruciani
Nanni Moretti  di V. Zagarrio
Nanni Moretti. Lo sguardo morale  di V. Zagarrio
Nanni Moretti. Diario di un autarchico  di S. Isola
Il cinema di Nanni Moretti. Sogni & diari  di E. Mazierska, L. Rascaroli
La sincope dell'identità. Il cinema di Nanni Moretti  di R. De Gaetano
Nanni Moretti. Caro diario  di F. Villa
Nanni Moretti: cinema come diario  di G. Coco
Qualcosa di sinistra. Intervista a Nanni Moretti  di G. Mascia
Nanni Moretti  di F. De Bernardinis
Nanni Moretti  di G. Ranucci, S. Ughi
Flash non disponibile
Copyright 2018 ©