Homepage Recensioni dei film News sul Cinema Speciali sul Cinema Interviste Film in TV Programmazione dei Cinema (Roma) Trailer dei film Coming soon Libri di Cinema Storia del Cinema Est Film Festival

Intervista: Alexandra Leclère

Invia questa pagina via e-mail a chi vuoi tu Stampa questa pagina
Alexandra Leclère
Arriva nelle sale italiane il quarto lungometraggio da regista di Alexandra Leclère, qui anche nella veste di sceneggiatrice. Il soggetto del film, una commedia che tocca però il tema sensibile dell'accoglienza, è stato scritto ben sette anni fa ma si adatta bene all'attuale situazione europea. La regista parla alla stampa della scrittura e realizzazione di “Benvenuti... ma non troppo”.
Intervista Alexandra Leclère: Domanda 1Da dove viene l’idea di realizzare un film su questo soggetto in particolare?
L’idea mi è venuta sette anni fa, con sempre la stessa idea che attraversa i miei film: quella di un piccolo impegno imposto ai personaggi. L’obbligo alla solidarietà. Avevo scritto una primo soggetto di una decina di pagine, che ho sottoposto a un produttore ricevendo come risposta: "Lascia perdere, nessuno ci crederà mai, è impossibile che sia prodotta una cosa del genere!". Quindi ho abbandonato questo progetto per qualche anno, il tempo che ho usato per realizzare un altro film “Maman”, convincendomi del fatto che non era la pellicola per me…
Intervista Alexandra Leclère: Domanda 2E perché questo?
Per due ragioni. La prima era la reticenza che sentivo intorno a me quando ne parlavo. La seconda, perché c’erano tanti personaggi in questa storia, io che amo tanto le opere che si svolgono in un unico spazio, e perché mi allontanavo dei miei soggetti preferiti, cioè la famiglia e la coppia. Ma dopo “Maman”, avevo voglia di tornare alla commedia e siccome sono testarda e credevo nella mia storia, mi ci sono buttata. Ho scritto tutto da sola, senza accordi, e ho fatto leggere a Philippe Godeau chi mi ha detto di sì.
Intervista Alexandra Leclère: Domanda 3Ciò che sconvolge è che l’attualità degli ultimi mesi collide con il suo scenario, immaginato sette anni fa...
In effetti, è inquietante, anche se non sono molto sorpresa…
Intervista Alexandra Leclère: Domanda 4Di fronte all’obbligo di ospitare i diseredati, i suoi personaggi si evolveranno tutti nel corso della storia e alla fine, ci renderemo conto che nonostante i loro difetti, sono sia capibili che amabili.
È questo che volevo assolutamente. Un personaggio non deve mai essere monolitico, altrimenti diventa rapidamente molto fastidioso. Si deve essere in grado di guardare la vita come la gente: da punti di vista diversi. Vorrei che “Benvenuti ma non troppo” fosse percepito come l’ho concepito io: una commedia pura che fa riflettere.
Intervista Alexandra Leclère: Domanda 5Ha detto di non essere abituata ai ?ilm corali. Come si è sentita durante le riprese di "Benvenuti ma non troppo"?
Innanzitutto ho avuto la fortuna di avere un team di una solidarietà esemplare. Durante le riprese, cerco di anticipare le esigenze che avrò al montaggio. Sono capace sia di aggiungere che di eliminare una scena. Dormo molto poco, riscrivo durante la notte, perfeziono, metto a punto, cambio un dialogo.
Intervista Alexandra Leclère: Domanda 6Lo descrive dunque come un processo che sembra a volte quasi doloroso.
Non lo so. In ogni caso, la fase delle riprese è molto più divertente di quello della scrittura. Non mi sento mai così viva come quando giro.
Ultime Interviste
Intervista: Tomm Moore Tomm Moore La canzone del mare: "voglio che i bambini conoscano le nostre storie e leggende"
Intervista: Alexandra Leclère Alexandra Leclère Benvenuti... ma non troppo: "una commedia pura che fa riflettere"
Intervista: Martin Zandvliet Martin Zandvliet Land of mine - Sotto la sabbia: "una storia importante e sostanzialmente sconosciuta"
Intervista: Andrew Haigh Andrew Haigh Weekend: "un'onesta, intima, autentica storia d'amore"
Intervista: Brian Helgeland Brian Helgeland Legend: "Come si racconta la vita di una persona realmente esistita?"
Intervista: Carlo Verdone Carlo Verdone L'abbiamo fatta grossa: "la critica di costume deve essere parte della commedia"
Intervista: Virág Zomborácz Virág Zomborácz Mózes, il pesce e la colomba: "ho iniziato a scrivere sceneggiature a sei anni!
Intervista: Francesco Calogero Francesco Calogero Seconda Primavera. "la capacità di interpretare la realtà è spesso contraddittoria"
Intervista: Vincenzo Salemme Vincenzo Salemme Se mi lasci non vale: "l'amicizia e l'amore devono essere credibili"
Intervista: Lorenzo Vigas Lorenzo Vigas Ti guardo: "ogni uomo cerca di riempire una vasta mancanza di emozione"
Archivio Interviste
 2017    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  
 2016    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2015    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2014    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2013    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2012    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2011    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2010    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2009    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2008    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2007    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2006    Gen  Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
 2005    Feb  Mar  Apr  Mag  Giu  Lug  Ago  Set  Ott  Nov  Dic  
Film diretti:
2014  Benvenuti… ma non troppo
Flash non disponibile
Copyright 2017 ©